Movistar, Alejandro Valverde vuole dare l’addio al ciclismo con il pubblico sulle strade: “Sarebbe stato un peccato ritirarsi senza tifosi”

Alejandro Valverde spera di ritrovare il pubblico sulle strade per il suo anno d’addio al ciclismo. Il 2022 sarà l’ultima stagione da professionista per l’embatido che, all’età di 42 anni (li compirà il 25 aprile), ha deciso di concludere la sua attività da corridore. Dopo vent’anni di carriera, era il 2002 quando esordì con la maglia della Kelme-Costa Blanca, il murciano ha scelto il Giro d’Italia e la Vuelta a España per chiudere in bellezza ma non solo. Se tutto andrà come previsto, il campione spagnolo vorrebbe partecipare anche al Mondiale di Wollongong 2022.

Non chiede risultati ma il pubblico. Dopo due anni in cui tutte le competizioni sono state stravolte dalla pandemia, il classe 1980 spera di poter dare l’addio al mondo del pedale con tanto di tifosi sulle strade: “Voglio dire addio e ringraziare il ciclismo, in generale, la mia squadra per tutti questi anni ma desidero soprattutto che la mia salute mi accompagni per poter correre con i tifosi”.

Gli anni passano ma le sensazioni restano molto buone per l’ex iridato: “Le sensazioni non sono diverse, sono comunque buone ed è per questo che ho deciso di darmi un altro anno e di ritirarmi dalle corse con il pubblico, quello che ti da tanta energia sulle salite e negli arrivi – spiega al quotidiano Marca Sarebbe stato un peccato ritirarsi senza tifosi quindi adesso spero di vivere un anno con più normalità e godermi il pubblico in ogni gara al 100%“.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button