Giro di Danimarca 2019, Tiesj Benoot commenta la sua vittoria: “Volevo tirare per De Buyst, ma ho creato direttamente un distacco”

Tiesj Benoot si gode il successo nella prima tappa del Giro di Danimarca 2019. La vittoria odierna arriva come una doppia liberazione per il corridore belga che non alzava le braccia al cielo dalle Strade Bianche 2018 e arrivava all’appuntamento con la corsa danese come favorito numero uno, situazione che genera sempre una pressione extra. Ad appesantire ulteriormente la situazione mentale del venticinquenne belga c’era stata la tragica scomparsa del compagno di squadra Bjorg Lambrecht, al quale va ovviamente la dedica per la vittoria di oggi, arrivata con una bella azione nel finale.

“Non ero molto fiducioso dopo le ultime settimane- ha dichiarato il corridore della Lotto-Soudal nell’immediato dopo tappa- Ho avuto dei problemi dopo una caduta al Tour de France e poi… c’è stata la morte di Bjorg Lambrecht al Giro di Polonia. Abbiamo vissuto due settimane molto toccanti. Sono contento di poter onorare la sua memoria in questo modo e di dedicargli questa vittoria”.

Benoot ha poi spiegato che la sua azione decisiva è in realtà nata per caso:” Sapevo che il circuito finale era duro e poteva essere adatto a me. Sono partito insieme ad altri sei corridori, a un chilometro e mezzo dall’arrivo ho voluto fare una forte tirata per Jasper De Buyst, che era nel gruppo, ma ho creato direttamente un distacco. Mi hanno detto nell’auricolare di dare tutto e così ho fatto. E ho tenuto fino alla fine! Qui al Giro di Danimarca ho fatto il mio debutto tra i pro, sono felicissimo di poter tornare con una vittoria”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.