Doping, Miguel Angel Lopez nega di essere implicato nell’Operazione Ilex: “Non sono coinvolto in alcuna indagine”

Miguel Angel Lopez torna a difendersi dalle accuse di essere coinvolto in una rete di doping. La scorsa estate, il nome del colombiano dell’Astana Qazaqstan era già emerso nel corso di un’inchiesta della Guardia Civil spagnola legata al traffico di sostanze proibite, anche se in seguito le autorità avevano precisato che il 28enne non era indagato. Ieri, con i nuovi sviluppi dell’Operazione Ilex che vedrebbe implicati il discusso medico Marcos Maynar, l’ex direttore sportivo della Kelme Vicente Belda e il figlio (attuale massaggiatore all’Astana), alcuni media hanno nuovamente accostato il nome di Lopez all’indagine, costringendo così lo scalatore sudamericano a smentire ogni suo coinvolgimento.

“Viste le notizie pubblicate su diversi media in cui si afferma che sono indagato in una presunto giro di doping, faccio presente che questa è un’accusa assolutamente falsa – ha scritto Lopez sul proprio profilo TwitterAl momento non sono coinvolto in alcuna indagine attiva e i miei avvocati avvieranno azioni legali corrispondenti se necessario”.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio