© Deceuninck-QuickStep/GettyImages

Deceuninck-Quick-Step, Zdenek Stybar: “Non avere alcuna corsa è più difficile di quanto pensassi”

Zdenek Stybar ha visto i suoi programmi saltare all’improvviso. Il corridore ceco da sempre concentra la propria preparazione sul periodo primaverile, in cui sono concentrati tutti i principali appuntamenti a lui congeniali. Primo non-belga della storia a vincere Omloop Het Nieuwsblad e E3 Harelbeke nella stessa stagione, l’atleta da classiche sembrava in buona condizione anche in questa stagione, prima di vedere tutti i suoi appuntamenti spostati nel resto della stagione a causa del coronavirus. Ora bisognerà vedere in quale data saranno ricollocati, se sarà possibile farlo, e riorganizzare il calendario della preparazione di conseguenza.

Il portacolori della Deceuninck-Quick-Step ha rivissuto il suo successo all’E3 Harelbeke 2019, che avveniva un anno fa: “È incredibile come voli velocemente il tempo. Ora che ci penso, sembra ieri. Ciò che posso dire è che è stata una delle mie vittorie più belle, perché l’E3 Harelbeke, oltre a essere un evento duro, è una delle corse più importanti e belle nel calendario, una che ho sempre sognato di vincere. Ogni cosa è andata al suo posto quel giorno. Dopo aver corso le Strade Bianche, la Tirreno-Adriatico e la Milano-Sanremo, sapevo di avere buone gambe, ma devi anche avere buone gambe. Prima dello Stationberg, ho detto a Bob di attaccare se si sentiva forte, e la sua mossa è stata importante per me, siccome mi ha permesso di stare a ruota degli altri corridori. Ovviamente non me l’hanno regalata, mi hanno provato a mettere al vento, ma mi sentivo davvero bene e ho potuto rispondere alle loro manovre. Quando abbiamo preso Bob a un paio di chilometri dall’arrivo, ha lavorato molto per me, e il suo aiuto è stato fondamentale per la vittoria. Non lo dimenticherò mai e spero di poterlo ripagare un giorno“.

Stybar ha poi parlato della situazione attuale: “Normalmente, oggi sarei sul pavé. Ho lavorato davvero duro quest’anno e ho provato a essere nella migliore forma possibile per questo periodo della stagione, come gli altri corridori che si sono allenati per raggiungere il picco per queste corse. Il mio inverno è stato davvero buono, ho ottenuto presto la vittoria in Argentina. Ero affamato di correre per ottenere buoni risultati, e nella Parigi-Nizza ho sentito che la mia condizione era buona e in crescita. Questo mi ha reso fiducioso per le Fiandre e la Roubaix, pensavo che sarei stato in una delle migliori condizioni della mia vita. Ora, purtroppo, è tutto perso e tutto ciò che possiamo fare è continuare a sperare che le cose tornino alla normalità presto“.

Il ceco riconosce che non è semplice, ma guarda le cose da un’altra prospettiva: “È più dura di quanto pensassi essere senza corse. Fisicamente non tanto, ma mentalmente non è facile. Non vedevo l’ora di queste settimane sul pavé e ora dovrei essere al massimo della forma, ma non rimane niente. Tutto ciò che posso fare è provare ad adattarmi. Ovviamente continuo ad allenarmi, anche se non faccio più sessioni da 200 chilometri. Ma allenarmi senza alcun obiettivo è davvero difficile e frustrante. Allo stesso tempo, ti dà una prospettiva totalmente nuova e capisci che non si tratta di ciclismo. È la vita vera“.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.