© Sirotti

Cofidis, Roberto Damiani ci racconta: “Milano-Sanremo e Tour i nostri obiettivi. Viviani ci farà vincere ma non va caricato troppo”

Il 2020 sarà un anno molto importante per la Cofidis. La formazione francese, infatti, ha ottenuto la licenza per correre nel WorldTour e si presenta molto ambiziosa al via della nuova stagione ormai alle porte. A maggior ragione considerando gli importanti ingaggi che hanno notevolmente arricchito l’organico in termini di qualità ed esperienza. Soprattutto potrà contare su Elia Viviani, atteso da una stagione molto importante sia su strada che su pista con i Giochi Olimpici di Tokyo 2020 che rappresentano uno dei suoi obiettivi principali. La redazione di SpazioCiclismo ha intervistato in esclusiva Roberto Damiani, Direttore Sportivo della formazione transalpina, nel giorno conclusivo del ritiro, a Calpe, in Spagna.

Come cambiano l’approccio e la preparazione dovendo affrontare la stagione WorldTour?

In realtà non cambia moltissimo. Sono due le principali variazioni rispetto agli anni passati. Da una parte, dopo aver concluso il nostro primo ritiro di squadra in Spagna, non faremo più nessun altro ritiro perché la stagione partirà subito. Noi saremo impegnati con tre gruppi diversi di corridori in Australia col Tour Down Under, alla Tropicale Amissa Bongo e in Argentina alla Vuelta San Juan, i corridori che non saranno impegnati in queste corse avranno l’opportunità di crescere con calma. L’altro cambiamento consiste nel fatto che, diversamente dallo scorso anno, disputeremo tutti e tre i GT in programma. Fare due GT o tre GT cambia la programmazione, noi abbiamo impostato tre gruppi di lavoro in vista dei tre Grandi Giri.

Quali sono gli obiettivi della squadra per la nuova stagione?

Ovviamente avendo in squadra Elia Viviani punteremo molto sulle volate. Il primo grande obiettivo stagionale sarà la Milano-Sanremo dove cercheremo di metterlo nelle condizioni migliori per poter dare il massimo. Poi, in quanto squadra francese, avremo come secondo obiettivo il Tour de France dove punteremo a vincere le volate con Viviani e a fare classifica con Guillaume Martin, che vorrà migliorare il suo dodicesimo posto nella generale di quest’anno.

Dunque al Tour de France 2020 non vedremo una squadra tutta per Viviani ma a “due punte”?

Non esistono squadre tutte al servizio di qualcuno. Noi cercheremo di fare il meglio di tappa in tappa, a noi interessa che vinca la Cofidis. Ovviamente vogliamo mettere Elia nelle migliori condizioni per poter vincere le volate, ma anche con Guillaume Martin punteremo a fare bene in classifica generale e nelle tappe di montagna. Poi cercheremo di essere protagonisti in tutte le tappe anche con gli altri corridori, non solo con loro due.

È già stato deciso il calendario di gare di Elia Viviani? Farà Classiche?

Si. Viviani avrà come primo grande obiettivo la Milano-Sanremo, a cui si preparerà iniziando con il Tour Down Under e il Tour of Oman. Poi sarà alla Tirreno-Adriatico e a qualche classica in Belgio, alla Gent Wevelgem, non parteciperà né al Giro delle Fiandre né alla Parigi-Roubaix. Poi si dedicherà alla pista prima della seconda parte di stagione. Riprenderà con il Giro di Svizzera prima del Tour de France. Poi ovviamente l’altro suo grande obiettivo saranno le Olimpiadi. Lui non va caricato troppo in un anno particolare come quello olimpico, ci garantirà ottime prestazioni ma non va spremuto.

Oltre a quelle presenti nel calendario WorldTour, disputerete più corse italiane?

Da italiano mi piacerebbe, ma con rammarico mi chiedo anche quali potrebbero essere…a parte quelle organizzate da RCS ne vedo poche. In realtà saremo molto impegnati con gli obblighi del calendario francese. Negli anni scorsi avevamo chiesto inviti che ci sono stati rifiutati, quindi quest’anno non li abbiamo nemmeno richiesti, saremo già molto impegnati così.

La nuova stagione vi vedrà impegnati anche sulle strade del Giro d’Italia 2020, come lo affronterete?

Abbiamo diviso i nostri corridori in tre gruppi in vista dei 3 GT stagionali, poi, a seconda di come andranno le cose, non è detto che alcuni corridori possano farne anche due. Ci teniamo molto, il Giro va onorato e rispettato, non ci andremo solo perché dobbiamo farlo. In particolare, da italiano, è una corsa molto affascinante e con una storia che merita rispetto. Poi conteranno le corse, in base al rendimento dei corridori sceglieremo la selezione migliore per essere competitivi e protagonisti.

Quale potrebbe essere il corridore che potrà sorprendere la prossima stagione?

Tutti parlano di Viviani e Martin perché sono nuovi e creano curiosità e attenzione. In realtà nel nostro organico abbiamo ottimi corridori come Laporte, che la scorsa stagione ha vinto nove corse, Jesus Herrada, che ne ha vinte sei, e Nicolas Edet che ha disputato un’ottima Vuelta e che nel 2020 sarà al fianco di Guillaume Martin nelle tappe di montagna. Se devo indicare qualcuno dico Simone Consonni, che ha ottime qualità, e Damien Touze, che sarà al secondo anno con noi e l’anno scorso è stato terzo ai Campionati Nazionali, può essere la sorpresa anche perché molto giovane.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.