© Sirotti

Cadel Road Race 2019, Ewan mastica amaro: “Più chance se fossi riuscito a partire prima”

Caleb Ewan rimanda ancora il successo con la prima vittoria con la nuova divisa e si accomoda sulla piazza d’onore della Cadel Evans Great Ocean Road Race 2019. A segno nel Down Under Classic, il criterium che ha anticipato il via del Tour Down Under nel corso del quale è stato declassato per scorrettezze al termine della frazione con arrivo a Strathalbyn nella quale aveva tagliato per primo il traguardo, il velocista della Lotto Soudal non è riuscito a impensierire Elia Viviani (Deceuninck-Quick Step) nello sprint che ha deciso la corsa. Sul traguardo di Geelong, infatti, il 24enne australiano si è dovuto arrendere alla progressione del campione italiano, riuscendo ad entrare nella sua scia senza saltarlo negli ultimi 50 metri.

“La lotta per le posizioni all’imbocco di ogni salita è stata frenetica, ma i miei compagni di squadra hanno svolto un ottimo lavoro. Gli ultimi due giri sono stati molto complicati, ma quando sono riuscito a superare anche il penultimo passaggio in cima mi sono reso conto che avevo delle buone chance di giocarmi la vittoria finale, considerando che molti sprinter erano rimasti isolati. Ci sono andato vicino, ero messo anche in buona posizione quando è stata lanciata la volata. Sono rimasto un po’ chiuso da Impey, e quando sono riuscito a saltarlo ho capito che sarebbe stato difficile raggiungere un corridore veloce come Viviani. Forse se fossi riuscito a lanciarmi un po’ prima, ce l’avrei fatta”. Dopo questo primo segmento di calendario Ewan staccherà un po’ la spina per tornare in gara all’UAE Tour, in programma dal 24 febbraio al 2 marzo.

 

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.