Bjorg Lambrecht, la caduta è stata provocata da un riflettore stradale

Una tragica e beffarda sfortuna a causa della caduta di Bjorg Lambrecht. Secondo quanto concluso dall’inchiesta della polizia in seguito alla tragica scomparsa del corridore belga al Giro di Polonia, a far perdere il controllo della bici al talento della Lotto Soudal è stato un riflettore catarifrangente stradale, comunemente chiamati anche occhio di gatto. Un accessorio spesso fondamentale per la sicurezza, ma che questa volta avrebbe portato ad un tragico incidente. A riportarlo ai media locali è stato il procuratore incaricato Malwina Szendzielorz-Pawela, che si sta occupando delle indagini.

Due corridori della UAE Team Emirates che si trovavano dietro di lui lo hanno visto passare sopra un riflettore stradale – spiega in una breve conferenza – Ha perso il controllo della sua bici, virando improvvisamente verso destra, poi verso sinistra, finendo fuoristrada e colpendo la copertura in cemento del canale. È triste constatare che delle risorse che crediamo importanti per migliorare la sicurezza stradale siano a causa di una tale tragedia”.

Secondo quanto riportati dai media belgi, la dimensione di questi riflettori è di 10 centimetri di larghezza e altezza, per uno spessore di 1,8 centimetri fuori dal manto stradale. L’inchiesta della procura di Rybnik non è comunque ancora conclusa, fanno sapere gli inquirenti, che hanno ancora in programma altre testimonianze per cercare di completare il quadro complessivo. Il risultato dell’autopsia svolta sul corpo del corridore avevano in precedenza già confermato come la causa del decesso fosse la forte emorragia al fegato, escludendo malori precedenti.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.