© Sirotti

Tour de France 2018, Degenkolb torna a vincere: “E’ fantastico, non ho parole per descrivere come mi sento”

Torna a vincere una corsa importante John Degenkolb. Due anni e mezzo dopo il terribile incidente in allenamento che aveva messo a rischio la sua carriera, il tedesco ha potuto festeggiare un successo di prestigio con la nona tappa del Tour de France 2018. Il velocista della Trek-Segafredo si è imposto a Roubaix in una volata ristretta, in cui è riuscito ad anticipare Greg Van Avermaet (BMC Racing Team) e Yves Lampaert (Quick-Step Floors). Il classe ’89 ha mostrato tutta la sua gioia al traguardo, sciogliendosi in un pianto liberatorio che lascia ben intendere la soddisfazione per essere uscito dal periodo buio.

Il vincitore della Parigi-Roubaix 2015 ha raccontato le sue sensazioni al termine della frazione: “È fantastico, non posso trovare le parole per esprimere come ci si sente a vincere. Ho aspettato questa vittoria per tanto tempo. Molta gente non credeva più in me e pensava che non sarei tornato allo stesso livello mai più. Pochi mesi fa, ho avuto un altro duro colpo con una caduta alla Parigi-Roubaix. Il mio ginocchio era infortunato. Ho dovuto smettere di allenarmi per almeno quattro settimane”.

Il tedesco ripercorre anche le sue difficoltà psicologiche: “Ho dubitato di me stesso ma con l’aiuto di mia moglie e di tutta la mia famiglia, ho trovato la forza di lavorare per inseguire l’obiettivo di vincere la tappa di oggi. Sapevo che avrei potuto sprintare contro questi corridori. La fuga era una sorta di déjà vu della Parigi-Roubaix di tre anni fa. Ha incrementato la mia fiducia per lo sprint”. Una giornata speciale per Degenkolb, che dopo un calvario durato due anni e mezzo può finalmente tornare protagonista nelle corse più importanti della stagione. Un’iniezione di fiducia in vista della prossima annata, in cui potrebbe puntare a tornare a vincere le classiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.