© Sirotti

I 10 neopro’ più attesi del 2017 dodici mesi dopo

L’anno scorso vi avevamo presentato la nostra personale classifica dei 10 NeoPro’ più attesi del 2017. Una classifica che analizzava i dieci corridori, più un nome extra, che sarebbero passati professionisti che andavano osservati con grande attenzione. Qualcuno di questi corridori è già riuscito a confermare le sue qualità nel loro primo anno in una formazione Professional o WorldTour. Altri invece non sono riusciti a confermarsi complice la giovane età o in alcuni casi per via di un ruolo in squadra, con tanto lavoro al servizio dei capitani e poche occasioni in cui mettersi in mostra.

I 10 Neopro’ più attesi del 2017

1. FILIPPO GANNA (UAE Team Emirates): Il corridore italiano è passato professionista molto giovane e di conseguenza non bisognava aspettarsi subito grandi risultati. Il portacolori della UAE Team Emirates riesce però a dimostrare buone qualità nelle prove contro il tempo, centrando il quinto posto al Giro di California e soprattutto il nono ai Campionati Europei. Oltre all’attività su strada il piemontese si concentra anche sulla pista, vincendo l’oro nell’inseguimento individuale degli Europei e l’argento nella stessa disciplina ai Mondiali.

2. DAVID GAUDU (FDJ): Il francese non paga il salto di categoria. Il vincitore del Tour de l’Avenir 2016 dimostra infatti, fin dal suo primo anno fra i professionisti, le sue qualità quando la strada sale. Tanti i buoni risultati ottenuti nel calendario francese, inclusa una splendida vittoria al Tour de l’Ain, ma i risultati più importanti in ottica futura arrivano all’estero. Buoni risultati riesce a centrarli sia sul traguardo di Lo Port alla Volta Catalunya, settimo, che alla Milano – Torino, ma il piazzamento da incorniciare è il nono in una corsa impegnativa come la Freccia Vallone. Ora la speranza è di poter vedere Gaudu in un Grande Giro per capire se in futuro potrà lottare per la vittoria finale in una corsa a tappe di tre settimane. 

3. PASCAL ACKERMANN (BORA – Hansgrohe): In una squadra con tanti velocisti e due corridori come Sam Bennett e Peter Sagan il tedesco rischiava di rimanere chiuso. Riesce tuttavia comunque a centrare diversi buoni piazzamenti interessanti, con il quarto posto ai Campionati europei come miglior risultato, che fa chiaramente ben sperare per il suo futuro.

4. VINCENZO ALBANESE (Bardiani – CSF): Le aspettative sul corridore italiano erano molto alte dopo la vittoria dell’anno scorso al Trofeo Matteotti. Inizialmente soffre il salto di categoria, non riuscendo a brillare nella prima parte di stagione, vista anche la giovanissima età, motivo per il quale partecipa solo a parte del Giro d’Italia, con un ritiro programmato per non bruciarlo. La situazione però sembra cambiare nel finale del 2017 quando il portacolori della Bardiani – CSF centra il quinto posto nella prova in linea Under23 dei campionati del Mondo e alcuni piazzamenti al Giro di Turchia.

5. TAO GEOGHEGAN HART (Sky): Trovare spazio in uno squadrone come la Sky non è semplice. Il britannico riesce comunque a ritagliarsi alcune occasioni, anche in corse WorldTour come il Giro di California e il Giro di Svizzera. Nella prima delle due corse si piazza all’ottavo posto finale, mentre in Svizzera, nonostante il lavoro per Nieve, riesce a piazzarsi nella Top15 finale. Due risultati che fanno ben sperare in ottica futura.

6. SIMONE CONSONNI (UAE Team Emirates): Quindici piazzamenti nei primi dieci  al primo anno fra i professionisti sono sicuramente un bottino positivo. Il portacolori della UAE Team Emirates riesce, fin dalle prime corse stagionali, a dimostrare le sue qualità allo sprint e il rendimento si mantiene costante durante tutto l’anno. Come Ganna si dedica anche all’attività su pista e anche per lui i risultati in quel settore sono positivi.

7. JONATHAN DIBBEN (Sky): Il britannico esordisce fra i professionisti con un buon sesto posto allo sprint sul Trofeo Porreres. Dopo quel risultato però il portacolori della Sky scompare, per riemergere a sorpresa nel mese di maggio con la vittoria della cronometro del Giro di California. Nella seconda parte della stagione è invece spesso e volentieri portato a lavorare per i compagni di squadra e non riesce quindi a trovare altre occasioni in cui mettersi in mostra.

8. MAXIMILIAN SCHACHMANN (QuickStep – Floors): Il tedesco è autore di una buona prima parte di stagione. Diversi i buoni piazzamenti, sia in tappe in linea che in prove a cronometro. Proprio le prove contro il tempo permettono a Schachmann di centrare dei discreti risultati finali nelle corse a tappe di una settimana, anche in corse WorldTour. Una brutta caduta al Giro di Polonia però lo costringe a chiudere in anticipo la stagione, togliendogli la possibilità di portare a casa altri buoni risultati.

9. EDWARD RAVASI (UAE Team Emirates): Mettersi in mostra per un neoprofessionista con le caratteristiche di scalatore è sicuramente più difficile. Il giovane italiano si vede quindi in poche occasioni, dovendo spesso e volentieri lavorare per i capitani. La partecipazione al Giro d’Italia sarà comunque molto importante per il futuro.

10. DAVID PER (Bahrain – Merida): Reduce da una buonissima stagione nella categoria Continental, con diversi piazzamenti ed il successo al Giro delle Fiandre Under23, Per fa fatica a trovare occasioni nella sua prima stagione tra i grandi. Con l’approdo fra i professionisti in una squadra importante come la Bahrain – Merida ovviamente gli spazi si riducono per lo sloveno, che non riesce a mettersi in mostra.

MENZIONE SPECIALE. WOUT VAN AERT (Vérandas Willems-Crelan): Il belga dimostra di avere grandi qualità non solo nel ciclocross, ma anche su strada. Il bilancio parla di tre successi e tanti buoni piazzamenti anche contro avversari di qualità. La curiosità intorno al Campione del Mondo di ciclocross è enorme per cercare di capire i progressi che potrebbe fare su strada ed in particolar modo nelle classiche del nord. 


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *