© Volta a Catalunya

Volta a Catalunya 2017, presentazione tappa 1: Calella – Calella

La Volta a Catalunya 2017 sposta i riflettori di nuovo sulle corse a tappe. L’esordio di questa edizione avviene a Calella, con una tappa di 178,9 chilometri che si preannuncia già piuttosto nervosa. Sono infatti in programma ben sei GPM, concentrati nella parte centrale, con quattro salite nel giro di 45 chilometri. Fondamentale per capire chi potrà giocarsi la vittoria della tappa sarà il Coll Formic (8,4 km al 4,7%, 12% max), salita discretamente impegnativa, ma tuttavia ancora ad oltre 50 chilometri dal traguardo e alla quale seguiranno quasi 30 chilometri di discesa. Probabilmente sarà ancora più decisivo il successivo Alt de Collsacreu (2,4 km al 4,7%, 6% max) posto a soli 18 chilometri dalla conclusione, e che si farà sentire nelle gambe dei corridori più stanchi. Qualcuno potrebbe anche provare ad attaccare per arrivare in solitaria e conquistare secondi importanti in ottica classifica generale, potendo anche sfruttare la breve rampa finale in salita.

ORARIO DI PARTENZA: 12:30

ORARIO DI ARRIVO (PREVISTO): 16:45-17:12

DIRETTA TV: 15:45 Eurosport

HASHTAG UFFICIALE: #VoltaCatalunya

I FAVORITI

Considerando che ci sono davvero poche occasioni per loro, i velocisti proveranno a giocarsi il successo. Spinter puri non ce ne sono, con André Greipel (Lotto Soudal) e Nacer Bouhanni (Cofidis) unici velocisti di alto profilo presenti. Saranno le loro squadra a provare a tenere chiusa la corsa se se la sentiranno. Davide Cimolai (FDJ) potrebbe avere un’ottima occasione, vista la sua capacità di superare gli strappi. Discorso simile per Kristian Sbaragli (Dimension Data), un altro con un ottimo spunto veloce, ma che in salita sa farsi valere. Uomini come Daryl Impey (Orica-Scott), Sebastian Molano (Manzana Postobon) e Max Walscheid (Team Sunweb) proveranno a loro volta a reggere nei tratti più duri per farsi trovare pronti nel finale.
Corridori completi come Enrico Gasparotto (Bahrain-Merida), Nathan Haas (Dimension Data), Arthur Vichot (FDJ), José Goncalves (Katusha-Alpecin), Julien Simon (Cofidis) e Petr Vakoc (Quick-Step Floors) potrebbero farsi valere in un gruppetto ridotto, ma a quel punto bisognerà fare i conti anche con un corridore come Alejandro Valverde (Movistar), che se dovesse vedere corsa dura potrebbe provarci in prima persona, cercando di guadagnare secondi preziosi.
Attenzione anche alla fuga del mattino, che potrebbe anche arrivare sino al traguardo se dietro i velocisti non dovessero reggere un ritmo troppo elevato e nessun altro volesse prendere in mano la situazione.

METEO PREVISTO

Cielo poco nuvoloso. Umidità relativa 70%, possibilità di precipitazioni 0%, vento direzione NNE ai 13 km/h. Temperatura prevista: minima 9°, massima 18°.

MAGGIORI INSIDIE

L’esito di questa tappa dipende principalmente dal ritmo che terrà il gruppo nelle fasi centrali. Se l’andatura sarà alta, potrebbero arrivare a giocarsi la vittoria in pochi, altrimenti potrebbe trasformarsi in una passerella con poca selezione.

MATERIALE TECNICO

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.