Campionati Nazionali 2022, tutti i percorsi delle prove in linea (Altimetrie e Planimetrie)

Andiamo a scoprire i percorsi delle prove in linea dei Campionati Nazionali 2022. In programma in larga parte questa settimana in Europa, ma non solo, le gare si disputeranno quasi tutte nel corso del fine settimana, con ben poche eccezioni, legate sostanzialmente al clima diverso in questo periodo dell’anno oppure alle difficoltà che si possono incontrare a cambiare fuso orario in un momento della stagione così delicato come l’approccio al Tour de France. Come per la prova in linea uomini élite dei Campionati Italiani, la maggior parte delle prove si svolgeranno domenica 26 giugno: andiamo dunque ora a vedere che tipo di percorso è stato proposto dagli organizzatori nelle varie nazioni.

Italia: Castellaneta Marina – Alberobello (237,1 km)

In Italia si correrà in Puglia, con la partenza che sarà fissata a Castellaneta Marina e l’arrivo posto ad Alberobello dopo 237,1 chilometri. Un primo circuito si affronterà dopo 25 chilometri dal via e sarà caratterizzato dalla salita di Gaudella, da scalare per due volte; un’altra ascesa sarà quella di Mottola, piuttosto impegnativa e affrontata pochi chilometri dopo essere usciti dal primo anello e prima di entrare nel secondo, abbastanza vallonato, che consentirà di transitare una prima volta sul traguardo. Al secondo passaggio i corridori entreranno quindi nel circuito finale di 14 chilometri, da percorrere per quattro volte, che non presenterà particolari asperità se non il breve strappo di Correggia. Nel complesso, quindi, un tracciato sicuramente movimentato, pur senza salite dure, che dovrebbe strizzare l’occhio alle ruote veloci resistenti e agli attaccanti. Per quanto riguarda le donne, invece, non si correrà in Puglia ma in Emilia-Romagna, su un tracciato pianeggiante di 147,6 chilometri tra Medolla e San Felice sul Panaro che dovrebbe favorire le velociste.

Belgio: Middelkerke – Middelkerke (208,7 km)

Totalmente pianeggiante il percorso che i corridori affronteranno in Belgio, a Middelkerke, sulle sponde del Mare del Nord, dove prenderanno il via e si concluderanno sia la prova maschile che quella femminile. Per gli uomini ci saranno da percorrere 126 chilometri in linea, durante i quali ci sarà anche un doppio passaggio sul De Moeren, tratto di strada totalmente dritto e particolarmente esposto al vento che viene solitamente affrontato alla Bruges-De Panne. Negli ultimi 82 chilometri si percorrerà invece per sei volte il circuito finale da 13,8 chilometri, che le donne dovranno invece ripetere per cinque volte (più un tratto in linea iniziale di 50 chilometri); poche le difficoltà di questo anello conclusivo, anche a livello planimetrico, con la principale insidia che in generale sarà rappresentata dal vento, che in entrambe le prove sarà un fattore importante e, probabilmente, decisivo.

Paesi Bassi: Westerbork – VAM-berg (194,5 km)

Diversamente da buona parte delle altre rassegne nazionali, si disputeranno venerdì 24 (uomini) e sabato 25 (donne) i campionati nazionali dei Paesi Bassi. Come accaduto nelle ultime due stagioni, anche quest’anno ci sarà il Col du Vam (o VAM-berg) al centro di entrambe le prove, anche se il tracciato proporrà alcune differenze rispetto alle scorse annate. Inizialmente, infatti, si percorrerà un breve tratto in linea che da Westerbork porterà sul circuito finale, che a sua volta sarà diverso in confronto alle scorse due edizioni: più lungo (14 chilometri), dovrà quindi essere ripetuto per meno volte (13 giri per gli uomini, 8 per le donne), ma proporrà due brevissimi strappi consecutivi, entrambi sul VAM-berg. Il primo sarà di 500 metri al 7% (incusi 160 metri di pavé al 15%, max. 24%), il secondo sarà di 200 metri al 12%: è qui che i corridori potranno provare a fare la differenza.

Francia: Cholet  – Cholet (240 km)

Per i suoi campionati nazionali, la Francia proporrà un percorso che, come spesso accade oltralpe, non presenterà particolari difficoltà altimetriche, ma che potrebbe comunque risultare abbastanza selettivo grazie soprattutto alla distanza. Sarà Cholet, nei Paesi della Loira, a ospitare sia la prova femminile (sabato 25) che quella maschile (domenica 26), che si svolgeranno sullo stesso tracciato di 20 chilometri, da ripetere per dodici volte per gli uomini (per un totale di 240 chilometri) e sei per le donne (120 chilometri). Il circuito, per lo più pianeggiante, presenterà due brevi salite sulle quali provare a fare selezione: la prima, di soli 600 metri, la si incontrerà dopo 3000 metri dalla linea di partenza/arrivo, la seconda, La Séguinière, sarà posta a metà percorso e misurerà 400 metri. Probabile, quindi, una volata di un gruppo di 40-50 corridori (come accade spesso alla Cholet – Pays de la Loire), ma non è da escludere che un drappello di coraggiosi possa anticipare lo sprint.

Spagna: Cala Millor – Palma (186,1 km)

Si vola sull’isola di Maiorca per la rassegna nazionale in Spagna. Anche qui, gara maschile e femminile saranno in giornate diverse (domenica 26 per gli uomini, sabato 25 per le donne) ma sullo stesso percorso, che prenderà il via da Cala Millor per concludersi a Palma. Il clou delle due prove sarà dato dalla salita del Coll de Sa Creu, che gli uomini scaleranno per quattro volte (per un totale di 186,1 chilometri) e le donne due (130,3 chilometri) e che permetterà di fare una bella selezione in gruppo, costituendo un buon trampolino di lancio dato che l’arrivo sarà posto sostanzialmente al termine della successiva discesa.

Germania: Arnsberg-Neheim – Kahler Asten/Winterberg (210 km)

Molto impegnativo anche il percorso dei campionati nazionali in Germania, che prevederà un arrivo in salita a Winterberg, nel Sauerland, e che strizzerà quindi l’occhio agli scalatori. Gli uomini, che prenderanno il via da Neheim, dovranno affrontare diversi saliscendi già lungo il tracciato di 210 chilometri, che sarà quasi tutto in linea tranne un movimentato circuito (da ripetere per quattro volte) posto prima dell’ascesa finale. Sullo stesso circuito correranno anche le donne, ma fin dall’inizio e per un totale di nove tornate, al termine delle quali scaleranno la salita conclusiva.

Gran Bretagna: Castle Douglas – Castle Douglas (201,2 km)

Per la Gran Bretagna sarà Castle Douglas, in Scozia, a ospitare partenza e arrivo delle rassegne nazionali in linea. Sia la prova maschile (201,2 chilometri) che quella femminile (128 chilometri) vedranno gli atleti affrontare due diversi circuiti, entrambi abbastanza movimentati: il primo (o circuito lungo) misurerà 22,9 chilometri, proporrà un paio di strappi e verrà percorso per quattro volte dagli uomini e due dalle donne. Il secondo (o circuito corto), sarà lungo 13,7 chilometri, verrà affrontato per otto volte nella gara maschile e sei in quella femminile e a metà tracciato presenterà una salita che, con il passare delle tornate, dovrebbe fare una certa selezione in gruppo.

Slovenia: Maribor – Maribor (167 km)

In Slovenia, i campionati nazionali andranno in scena nella capitale Maribor lungo un circuito di 16,66 chilometri non particolarmente impegnativo, con un paio di brevi salite che non dovrebbero dare particolare fastidio alle ruote veloci. Gli uomini affronteranno questo anello per dieci volte, per un totale di quasi 167 chilometri, le donne percorreranno sei giri, superando di poco i 100 chilometri di gara.

Svizzera: Steinmaur – Steinmaur (192 km)

Steinmaur nel Canton Zurigo, torna ad ospitare la rassegna nazionale Svizzera a sette anni dall’edizione del 2015, che vide imporsi Danilo Wyss davanti a Sèbastien Reichenbach. Anche quest’anno si percorreranno, come allora, 192 chilometri composti da otto giri da 24 chilometri che per le donne si ridurranno a cinque (120 chilometri). Il tracciato è piuttosto interessante, con uno sviluppo altimetrico che sicuramente creerà parecchia selezione.

Danimarca: Aalborg – Aalborg (211 km)

La Danimarca, che può contare su di un livello medio dei partecipanti piuttosto alto, non può purtroppo proporre percorsi particolarmente impegnativi. Quest’anno gli uomini affronteranno 211 chilometri (131,2 in linea più sette giri del circuito finale di 11,4 chilometri) con partenza e arrivo ad Aalborg senza grandi difficoltà altimetriche se non un paio di brevi strappi nel circuito cittadino, per una giornata dove gli avversari saranno soprattutto il chilometraggio e il vento. Stesso circuito, ma sole quattro tornate, per le donne, che aggiungeranno un tratto in linea iniziale di 81 chilometri, per un totale di 127 chilometri.

Repubblica Ceca/Slovacchia: Mladá Vožice – Mladá Vožice (197 km)

Anche quest’anno prova congiunta per la Slovacchia dei fratelli Sagan, che monopolizzano questo evento ininterrottamente dal 2011, e la Repubblica Ceca. Ci si giocherà il titolo a Mladá Vožice, cittadina ceca facente parte del distretto di Tábor, in Boemia Meridionale, lungo un circuito di 19,7 chilometri da ripetere dieci volte (cinque per le donne, che correranno sabato 25). Il tracciato proporrà una salita di circa cinque chilometri dalle pendenze leggere, ma che nel corso delle varie tornate potrà fare una buona selezione.

Stati Uniti: Knoxville – Knoxville (187 km)

Quinto anno di fila in quel di Knoxville, terza città più grande del Tennessee, per i campionati nazionali degli Stati Uniti. Per gli uomini, 187 chilometri totali (17 giri da 11 chilometri) di circuito urbano per un tracciato che, pur senza grandi asperità, si è sempre rivelato selettivo nelle fasi finali, favorito anche dal fatto che gli statunitensi non vivono un periodo particolarmente florido sul fronte delle ruote veloci. Stesso percorso per le donne, che di giri ne percorreranno dieci, per un totale di 110 chilometri.

Portogallo: Mogadouro – Mogadouro (167,5 km)

Mogadouro, piccolo centro della Bragança, ospita quest’anno la rassegna in terra di Portogallo con un percorso che si preannuncia piuttosto insidioso come al solito. Gli uomini (167,5 chilometri) affronteranno un tratto in linea iniziale di 78,3 chilometri prima di entrare nel circuito finale da 22,3 chilometri, da ripetere per quattro volte, caratterizzato da una salita lunga ma abbastanza leggera. Niente tratto in linea ma solo quattro giri del circuito per le donne, che dovranno percorrere quindi 89,2 chilometri.

Norvegia: Levagner – Skogn (189,6 km)

Percorso piuttosto frastagliato, anche se non durissimo, in Norvegia, con le prove che prenderanno il via da Levagner per concludersi a Skogn, non lontano da Trondheim. Sette le tornate del circuito finale da 21,6 chilometri per gli uomini, alle quali si aggiunge un tratto in linea iniziale che gira attorno all’anello conclusivo, portando a 189,6 chilometri il totale da pedalare. Discorso simile per la gara femminile, nella quale si affronteranno però quattro giri del circuito.

Lussemburgo: Nospelt – Nospelt (140 km)

Percorso semplice a Nospelt per la rassegna nazionale in Lussemburgo, che punta anche quest’anno a non decimare le poche decine di partecipanti proponendo un circuito di 14 chilometri con tre brevi salitelle. Gli uomini dovranno percorrere dieci tornate (140 chilometri), le donne sei (84 chilometri).

Irlanda: Kanturk – Kanturk (163 km)

Kanturk, piccola cittadina nel sud dell’Irlanda ospita una prova di 163 chilometri che nella prima parte in linea sarà abbastanza movimentata, mentre il circuito finale, da ripetere per quattro volte, proporrà solo una semplice salitella. Ancor meno difficile il percorso della gara femminile, che si disputerà il giorno prima su una distanza di 104 chilometri (tratto in linea di 59 chilometri più tre giri del circuito).

Estonia/Lettonia/Lituania: Kuldiga – Kuldiga (161,7 km)

Le tre Repubbliche Baltiche corrono insieme anche quest’anno, con i lettoni padroni di casa che ospitano la rassegna a Kuldiga. Per gli uomini, 161,7 i chilometri senza difficoltà altimetriche che non sarà in ogni caso facile riuscire a domare, con il circuito finale, da ripetere per otto volte, che presenterà un breve strappetto e che si aggiungerà a due giri del “circuito lungo” iniziale. Anche per le donne due tornate del circuito lungo, ma solo un giro di quello finale, per un totale di 95,3 chilometri.

Scegli la tua squadra per la sesta tappa del Fanta Tour de France! Montepremi minimo di 600 euro!
• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Articoli correlati

Rispondi

Back to top button