Scheldeprijs 2018, Jakobsen: “È davvero incredibile, sta andando tutto a meraviglia”

Fabio Jakobsen si prende una corsa storica con il successo allo Scheldeprijs 2018. Già vincitore alla Nokere Koerse, il neoprofessionista della Quick-Step Floors conquista così la sua seconda corsa in pochi giorni con una dimostrazione di forza di assoluto valore. Non solo per una volata sostanzialmente dominata, ma anche perché riuscire a reggere sino al traguardo, conservando le energie necessarie, non era così semplice in una corsa che comunque presentava una buona distanza e un percorso che vento e pioggia hanno reso piuttosto duro. Il 21enne neerlandese invece ha stretto i denti, riuscendo a farsi poi trovare pronto all’arrivo. Certo, mancavano alcuni corridori (alcuni espulsi, altri sfortunati per cadute e forature al momento sbagliato), ma questo poco toglie al suo successo personale.

Primo anno e subito una vittoria di peso come questa, vincendo nettamente una corsa che viene solitamente considerata una sorta di Mondiale per velocisti visto il grande parterre.
È davvero incredibile. Riuscire a fare la volata, perfino a vincerla…Penso sia indubbiamente una delle più grandi vittorie della mia giovane carriera sinora.

Visto questo inizo, cosa vuoi dalla tua carriera?
Spero di riuscire a diventare veloce quanto gli altri grandi velocisti. Continuare a crescere e migliorare ogni anno per poter conquistare delle tappe a Giro, Tour e Vuelta

In particolare alla Nokere Koerse, ma anche oggi lo conferma, abbiamo visto che sei a tuo agio anche sul pavé e i percorsi più impegnativi.
È vero, correre qui nelle Fiandre mi piace. Il pavé mi piace, ma penso che, quando hai 21 anni e sei veloce, devi prima di tutto concentrarti sulle volate. E per il momento sta andando tutto a meraviglia

Raccontaci la volata odierna.
Negli ultimi due chilometri davanti c’erano sempre Iljo Keisse e Zdeněk Štybar, corridori che hanno dimostrato di essere in grande forma in questo periodo. Hanno dato tutto fino a 500 metri dal traguardo, poi sono rimasto a ruota di Michael Mørkøv fino a quando non ho visto il cartello dei 200 metri. In quel momento mi sono detto che toccava a me e sono partito!

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.