©Twitter

Rafael Andriato, bruttissima caduta durante una corsa in Argentina

Brutta caduta per Rafael Andriato. Il 32enne brasiliano era impegnato in gara al Giro del Sol, corsa minore in corso di svolgimento in Argentina. Per lui però la gara è finita quando ha perso il controllo della sua bicicletta, finendo a terra con il volto. Andriato, che ha corso per diverse stagioni con squadre italiane (Farnese Vini, Vini Fantini, Neri Sottoli e Wilier Triestina nella sua carriera, oltre all’esperienza in maglia Southeast, nel 2015) è stato trasportato in ospedale, dove  gli è stata riscontrata la microfrattura di uno zigomo e dove è stato curato con cinquanta punti di sutura in faccio.

“Andava tutto bene – ha raccontato il corridore sudamericano a Ciclismo Internacional – Mi ero preparato molto bene per questa corsa e le buone sensazioni stavano iniziando ad apparire. Però, in un batter di ciglia, mi ritrovo con 50 punti in faccia e con un osso rotto. È successo tutto molto in fretta. Il gruppo andava forte, c’era vento laterale e, come spesso accade, qualche ciclista si è toccato e altri hanno messo la mano sul freno. Senza aver tempo di reagire, ho colpito la ruota di chi mi stava davanti”.

Andriato è stato doppiamente sfortunato: “Mentre ero ancora in aria, sono stato colpito da qualcuno che arrivava da dietro e sono finito di faccia contro i raggi di una ruota che era ancora in movimento. La prima reazione è stata quella di rialzarmi e ripartire, ma ho poi realizzato che stavo perdendo molto sangue e che i tagli erano molto profondi”.

Durante la sua carriera “italiana”, il brasiliano ha vinto una tappa del Tour Hainan (nel 2016, con la maglia della Wilier-Southeast) e una frazione del Sibiu Cycling Tour (nel 2015, quando difendeva i colori della Southeast).

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.