© SWPix.com

Yorkshire 2019, Tiberi analizza la sua impresa: “Vincere il mondiale a cronometro in questo modo è stato davvero qualcosa di unico”

Dieci giorni dopo l’impresa nella cronometro juniores dei Mondiali di Yorkshire 2019, Antonio Tiberi torna a parlare della sua vittoria. In un’intervista rilasciata nel corso della trasmissione radiofonica Ultimo Chilometro, il 18enne ripercorre la sua prova, iniziata male a causa di un incidente meccanico avvenuto in partenza, ma che l’ha visto poi recuperare il tempo perduto fino a transitare sul traguardo in testa con il miglior risultato, che nessuno dei corridori partiti dopo è riuscito a battere. Grazie a questa prestazione, oltre a quelle che hanno caratterizzato le positive due stagione tra gli juniores, il giovane talento si è assicurato la chiamata da parte di una squadra World Tour, la Trek-Segafredo.

“Vincere il mondiale a cronometro in questo modo, dopo l’incidente iniziale, è stato davvero qualcosa di unico, un’emozione grandissima, sono davvero felice di ciò che sono riuscito a fare – ha esordito Tiberi – Quello di Harrogate era un percorso molto particolare in quanto c’erano diverse curve e molte discese. Noi abbiamo un rapporto obbligato, quindi essendo un percorso nervoso bisognava far frullare bene le gambe e saper guidare bene la bici, in quanto in alcuni tratti la strada era anche umida. Dopo il problema meccanico avuto all’inizio, mi sono detto: o la va, o la spacca. Mi sono giocato tutto, non avevo niente da perdere, e così ho dato il massimo dal primo all’ultimo metro”.

Il 18enne racconta anche un dettaglio interessante sulla sua prova, che probabilmente ha anche contribuito all’ottima prestazione: “Sulla seconda bici non avevo il misuratore di potenza, quindi non sapevo a quale velocità stavo andando e non potevo nemmeno controllare i battiti del cuore. Sono andato completamente a sensazione. Un vantaggio, secondo me, è stato dettato dal fatto che sulla bici di scorta avevo le pedivelle più lunghe. Correre senza il ciclocomputer è stato un po’ strano, mentre ero a tutta guardavo in basso per capire quanto stessi spingendo, ma dopo i primi chilometri non ci ho pensato più e ho dato anche l’anima“.

Per Tiberi è arrivata quindi la chiamata della Trek-Segafredo, a cui si aggregherà però nel 2021 dopo una stagione tra le file della Colpack: “Sarà un grande onore per me continuare il percorso di crescita con la Colpack e poi passare professionista con la Trek-Segafredo, è stata una scelta importante e ragionata, fatta con il mio procuratore e con i miei genitori. Diventerò compagno di squadra di Vincenzo Nibali, che è uno dei miei idoli, e quindi sarà un onore difendere i colori di una squadra di così alto livello”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.