UCI, annunciata la Riforma 2020! Ritoccati Calendario, Squadre, Licenze e WildCard

L’UCI ha approvato la prima parte della attesa Grande Riforma del Ciclismo. Una decisione presa all’unanimità dai membri del Consiglio del Ciclismo Professionistico con il Comitato Direttivo che ha dunque oggi ratificato la nuova organizzazione che entrerà gradualmente in vigore a partire dal 2019. Con l’obiettivo di “rinforzare lo stato del ciclismo tra i più grandi sport professionistici al mondo”, sono state dunque apportate alcune modifiche per “migliorare la comprensione de la stagione e la stabilità del sistema” per “incoraggiare nuovi partner” e “migliorare la visibilità complessiva del ciclismo”.

Ovviamente, “mancano ancora dettagli importanti da finalizzare per l’attuazione completa della riforma il primo gennaio 2020”. Continueranno dunque le “discussioni costruttive tra le parti interessate” per l’approvazione durante la prossima stagione. Da fuori, nel complesso, sembra qualcosa di poco rilevante, ma alcuni di questi cambiamenti rischiano di diventare asce soprattutto sulle teste degli organizzatori, ma anche di alcune squadre non di primissima fascia.

Calendario

Primo ad essere coinvolto nelle modifiche è il Calendario, che sarà ora suddiviso in tre: UCI WorldTour, UCI ProSeries e UCI Continental. Nella prima divisione resteranno i tre Grandi Giri, le altre corse a tappe già presenti, le classiche (20 corse che saranno riunite in una sottodivisione chiamata UCI Classic Series) e le altre corse di un giorno per un totale di 185 giorni di corsa. Le corse che ne faranno parte avranno una licenza triennale.
La seconda divisione, la UCI ProSeries, verrà lanciata nel 2020 e sarà sostanzialmente composta dalle attuali corse HC e .1, con una tabella ben precisa che prenderà in conto anche corse di “alta importanza strategica nell’ottica dello sviluppo del ciclismo”. La terza divisione dovrebbe sostanzialmente restare dunque per le corse .2, liquidate attualmente come “pilastri del nostro sport a livello continental”, senza indicazioni di alcun tipo.

Squadre

Anche le squadre saranno suddivise in tre, così come ora, con solamente i nomi leggermente diversi. Avremo dunque UCI WorldTeams, UCI ProTeams e UCI Continental Teams. Come succede quest’anno avremo 18 squadre di prima categoria (composte da 27 a 30 corridori), che potranno godere di una licenza di tre anni, mentre illimitato è il numero di squadre delle altre categorie. A partire dal 2019 sarà calcolata una Classifica Mondiale UCI (sparirà invece l’attuale Classifica WorldTour) individuale, per Nazioni e a Squadre, tenendo conto dei risultati nell’intero calendario internazionale dei dieci migliori corridori di ogni squadra delle tre divisioni. Continueranno comunque ad esistere i vari calendari continentali, con lo stesso regolamento attuale.

Licenze

A partire dal 2020, le squadre riceveranno licenza WorldTour triennale basandosi su cinque criteri (etico, amministrativo, finanziario, organizzativo e sportivo) “che permetteranno di comparare gli UCI WorldTeams con i potenziali candidati”. L’obiettivo è dunque di “assicurare il carattere aperto del sistema a il riconoscimento del merito sportivo” con l’obiettivo di combinare quest’ultimo con “la necessaria stabilità” richiesta dalle squadre.

WildCard

Importante novità riguarda le WildCard, visto che gli organizzatori vedranno diminuite le loro scelte. Invariato il sistema di inviti per le squadre WorldTour, che avranno il diritto-dovere di partecipare a tutte le corse di prima categoria, alle quali saranno inoltre invitate di diritto i due o tre migliori UCI ProTeams (non è precisato in che momento dell’anno si tiene conto della classifica, probabilmente a fine stagione dunque), che potranno tuttavia rifiutare. Il regolamento prevede una leggera differenziazione in tal senso all’interno della prima divisione visto che nei Grandi Giri i ProTeams aventi diritto saranno due, mentre per gli altri eventi del WorldTour ad essere automaticamente invitate saranno le prime tre. Trattandosi di un diritto, avranno possibilità di rifiutare, lasciando così libero il proprio posto ad una pari livello che potrà così ricevere la WildCard da parte degli organizzatori.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.