Ineos Grenadiers, il russo Pavel Sivakov cambia nazionalità: “Vivo in Francia da quando ho 1 anno, visto ciò che sta accadendo dovevo accelerare”

Pavel Sivakov cambia nazionalità. Per il corridore della Ineos Grenadiers la questione non è legata semplicemente allo scenario europeo attuale in cui la Russia cerca di invadere l’Ucraina ma molto di più. Il venticinquenne, che ha trascorso quasi tutta la sua vita in Francia, aveva chiesto all’UCI, nella giornata di mercoledì 2 marzo, il cambio di nazionalità e la richiesta è stata accolta. Da oggi dunque, il classe 1997 sarà un cittadino francese e potrà partecipare ai campionati nazionali e alle varie rassegne mondiali ed europee sotto il tricolore transalpino.

“Sono nato in Italia e vivo in Francia da quando ho 1 anno. La Francia è dove sono cresciuto, dove sono stato educato, dove mi sono innamorato della bici che mi ha portato oggi nel mondo del ciclismo. La sento come casa mia. Volevo diventare un cittadino francese da tempo e avevo fatto la richiesta all’UCI, ma visto ciò che sta accadendo in Ucraina in questo momento volevo accelerare. Sono molto felice di poter gareggiare per questo Paese, pensare di poter correre a Parigi nelle Olimpiadi 2024 sarebbe un sogno”.

“Come ho già detto precedentemente sono totalmente contrario a questa guerra e i miei pensieri vanno tutti al popolo ucraino. Come la maggior parte delle persone nel mondo io spero nella pace e in una rapida fine delle sofferenze che stanno accadendo in Ucraina”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Back to top button