© ASO/Fabien Boukla

Arkea-Samsic, Nairo Quintana preoccupato: “Bisogna tornare a correre anche senza pubblico altrimenti sarebbe catastrofico per il futuro del ciclismo”

Secondo Nairo Quintana è fondamentale ritornare a correre. Ovviamente salvaguardando la salute pubblica e dei corridori, ma per il corridore della Arkéa – Samsic correre il Tour de France 2020, che è stato riprogrammato dal 29 agosto al 20 settembre, e le altre corse sarebbe fondamentale sia per le sponsorizzazioni dei vari team che per quei corridori a cui scadrà il contratto a fine stagione. Lo scalatore colombiano è tornato in Patria dopo la conclusione della Parigi – Nizza 2020, dove vinse proprio l’ultima tappa, e un avvio di stagione dove si è messo in mostra come uno dei corridori più in forma.

L’ex corridore della Movistar è convinto che il mondo del ciclismo possa essere a forte rischio se non si dovesse tornare a correre e se il Tour de France venisse cancellato: “Se fosse rinviato e non si disputasse quest’anno, per noi e per i team sarebbe molto rischioso, perché potrebbero perdere gli sponsor – le sue parole riportate da ciclo21.com – è molto difficile trovare sponsor che danno così tanti soldi. Ed anche per i ciclisti che quest’anno non hanno ancora corso, i loro contratti scadrebbero e sarà molto difficile trovare un nuovo ingaggio. Sarebbe catastrofico. È chiaro, ciò che conta è la salute di tutti, ma anche se posticipate o senza un pubblico, alcune delle gare devono essere fatte per garantire la continuità del ciclismo mondiale”.

Se la quarantena dovesse prolungarsi ancora saremo in grossi guai – ha continuato il colombiano – Senza un pubblico sarebbe triste correre, speriamo che ci sia, come per un cantante, un clown, un ballerino, lo stesso è per noi, sarebbe quasi privo di significato, ma la televisione sarà lì e faremo felici coloro che sono a casa”.

Il nuovo calendario di gare, ancora in fase di definizione da parte dell’UCI, dovrebbe prevedere la disputa di Giro d’Italia e Vuelta a España in autunno, un’eventualità che non lo spaventa: “Farà sicuramente freddo, ma lo abbiamo sopportato molte volte, non sarà troppo difficile, bisognerà coprirsi bene ed andare avanti”.

Quintana è stato obbligato a cominciare ad allenarsi sui rulli: “È molto difficile per me, non avevo mai fatto nemmeno un’ora sui rulli, è stato difficile, giorno dopo giorno ho iniziato a fare un’ora, un’ora e mezza, fino a due ore. Non ero abituato e stare senza uscire è complicato. Ora abbiamo queste piattaforme che ci aiutano ad allenarci bene e quindi stiamo cercando di non perdere la forma – ha spiegato – Poi vedremo quali gare si correranno prima del Tour. Dovremmo approfittarne e prendere un buon ritmo prima di cominciare. Le sessioni di allenamento di oggi mostrano la tua forma fisica, non mentono e sai già più o meno come arrivi in gara”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.