© Sirotti

Tour de France 2018, Martin sconsolato: “Ho forato nel momento peggiore”

Daniel Martin ha confermato nella quattordicesima tappa del Tour de France 2018 il suo legame indissolubile con la sfortuna. L’uomo di classifica della UAE Team Emirates è incappato in una foratura ai piedi della Côte de la Croix Neuve, quando il gruppo maglia gialla aveva decisamente alzato i ritmi per permettere ai capitani di approcciare i tre chilometri della salita finale nelle prime posizioni. L’irlandese è stato così costretto a una rincorsa senza buon fine, trovandosi a pagare un ritardo di 1’51” da Primož Roglič (LottoNL-Jumbo) e di 1’43” dal gruppetto comprendente i primi tre della classifica, Geraint Thomas, Chris Froome (Sky) e Tom Dumoulin (Sunweb), nella tappa vinta da Omar Fraile (Astana) grazie a una lunga fuga.

Per il vincitore della Liegi-Bastogne-Liegi 2013 si tratta della seconda pesante battuta d’arresto non derivante da demeriti propri, dopo i secondi persi nella frazione con arrivo ad Amiens a causa di una caduta nella quale rimase coinvolto. Il gap accumulato tra incidenti e inconvenienti gli sta di fatto impedendo di lottare per il podio, sebbene ieri sia riuscito comunque a mantenere l’ultima posizione della top ten: “È stata una giornata molto strana, con partenza dura e strade molto strette. È stato il peggior momento possibile per incappare in una foratura. In entrambi i lati della strada c’era ghiaia, noi stavamo rimontando posizioni, e purtroppo ho bucato. Non ci ho potuto fare niente”.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.