DA NON PERDERE

Tour de France 2018, Top/Flop del giorno

La nostra rubrica che, tra il serio ed il faceto, traccia il bilancio della giornata appena conclusasi al Tour de France 2018.

TOP

Dylan Groenewegen (LottoNL-Jumbo): Volata imperiosa quella del talentuoso olandese. Assente ingiustificato nelle prime tappe, si riscatta alla grandissima con questa vittoria. Ciò che convince è soprattutto il modo in cui è arrivata, ovvero con una progressione che ha lasciato le briciole a quelli che finora erano stati i dominatori degli sprint, Gaviria e Sagan.

Andrea Pasqualon (Wanty-Groupe Gobert): Zitto zitto è sempre lì che si piazza. Con questo nono posto siamo già a quattro Top 10 di tappa in questa Grande Boucle. Non ha lo spunto dei migliori sprinter, ma il fatto che sia sempre lì a mettersi in gioco è la conferma che le gambe stanno bene. La sua squadra ringrazia e intanto aspetta una tappa più adatta alle sue caratteristiche…

Yoann Offredo (Wanty-Groupe Gobert): In una tappa in cui non è successo nulla ha il merito, ma soprattutto il coraggio, di lanciarsi in avanscoperta in solitaria a più di 210 chilometri dall’arrivo. Viene ripreso ai 90 dall’arrivo, solo perché dietro sono iniziati i ventagli, altrimenti si sarebbe fatto qualche altra decina di chilometri a godersi il paesaggio davanti a tutti. Gli organizzatori tuttavia non lo premiano, scegliendo Pichon (comunque meritevole) come più combattivo. E allora lo premiamo noi.

FLOP

Marcel Kittel (Katusha-Alpecin): Oggi non ci prova neanche a disputare la volata e lascia l’onere al compagno Rick Zabel. Il possente tedesco vede le opportunità di volata diminuire giorno dopo giorno e, finora, non ci è neanche andato vicino ad un successo parziale. Domani avrà un’altra chance, ma urge ritrovare il vero Kittel.

Alexander Kristoff (UAE-Emirates): Il norvegese parte lunghissimo e viene risucchiato dai rivali, chiudendo al 13esimo posto. Il colpo di pedale non sembra essere quello dei tempi migliori, ma anche lui avrà qualche altra chance per provare a portare a casa un successo di tappa, con la consapevolezza che la vittoria di ieri di Martin ha tolto un bel peso dalle sue spalle e quelle della squadra.

Organizzatori: Porre una tappa così lunga e senza asperità non si è rivelata una scelta vincente. La corsa è stata soporifera e solo gli ultimi cinque chilometri, con la preparazione alla volata, hanno regalato un po’ di suspance. I corridori hanno le loro colpe ma, un percorso del genere, a questo punto della corsa, di certo non li invogliava ad attaccare.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.