Bilancio Squadre 2021: Lotto Soudal

Non una grandissima stagione quella della Lotto Soudal. La compagine belga ha ottenuto infatti solo dodici successi, stesso numero del 2020 in un’annata segnata dalla pandemia. Il problema principale della formazione di John Lelangue è l’invecchiamento dei veterani del team e una schiera di giovani ancora troppo acerbi per prenderne il posto. Si è creata così una situazione in cui spesso la squadra si è trovata troppo a dipendere da un singolo, ovvero Caleb Ewan, che peraltro è stato anche fuori due mesi per infortunio. Gli infortuni e la sfortuna in genere sono stati poi un altro tallone d’Achille del team, che spesso si è trovato a chiudere le corse con un numero decisamente esiguo di corridori.

Cosa ha funzionato

Delle dodici vittorie del team, la metà portano la firma di Caleb Ewan. L’australiano inizia a vincere subito all’UAE Tour e alla Milano-Sanremo è autore di una grande prestazione, stupendo tutti sul Poggio ma non riuscendo a seguire l’azione decisiva di Jasper Stuyven, dovendosi così accontentare per la seconda volta in carriera della piazza d’onore sul traguardo di Via Roma vincendo la volata del gruppo. Il Belpaese sorride comunque allo sprinter oceanico un mese e mezzo più tardi, quando il 27enne vince due tappe del Giro d’Italia prima di ritirarsi per un problema al ginocchio, giustificazione che non ha mancato di suscitare perplessità e polemiche. Dopo due frazioni vinte al Giro del Belgio arriva poi il Tour de France, durante il quale commette un’errore durante la volata nella terza tappa cadendo e procurandosi la frattura della clavicola, cosa che ovviamente lo costringe ad abbandonare la corsa. Non riesce a recuperare in tempo per la Vuelta, ma prima che finisca la stagione trova comunque modo per ottenere un altro successo, vincendo una tappa del Benelux Tour.

Sono poi altri due i corridori ad aver ottenuto più di una vittoria, Tim Wellens Andreas Kron, entrambi a quota due. Per il belga si tratta di un successo di tappa e della classifica generale dell’Etoile de Bessèges all’inizio di una stagione poi non esaltante, in cui mancherà la convocazione in tutti i GT e nella quale gli unici piazzamenti di rilievo arriveranno da Tirreno-Adriatico, Giro di Polonia e Benelux Tour, tutte e tre concluse in top 10. Il danese invece ha vissuto una buona stagione di crescita, con le prime soddisfazioni già in primavera grazie alla vittoria nella giornata inaugurale del Giro di Catalogna. Si ripete poi a giugno al Giro di Svizzera, e con le sue prestazioni si guadagna la convocazione per la Vuelta, primo GT della sua carriera, dove riesce a ottenere ben tre top 10 di tappa.

Gli altri due successi stagionali sono poi arrivati da Thomas De Gendt, che ha conquistato l’ultima frazione della Volta a Catalunya, e da Brent Van Moer, vincitore a sorpresa della prima tappa del Giro del Delfinato. A parte la vittoria in Spagna, nel resto dell’anno l’esperto passista belga non è tuttavia quasi mai riuscito a mettersi in mostra con i suoi consueti attacchi da lontano, risultando abbastanza anonimo sia al Giro d’Italia che al Tour de France. Al contrario, il giovane connazionale è riuscito invece a ottenere qualche altro interessante piazzamento, come il secondo posto nella sesta tappa della Tirreno-Adriatico o le due top 10 al Tour de France, corsa nella quale il 23enne arriva addirittura a sfiorare il successo nella quarta frazione, venendo ripreso dal gruppo a soli 200 metri dal traguardo di Fougéres. Tutti risultati, questi, ottenuti andando in fuga: che possa dunque essere proprio lui l’erede di De Gendt?

Tra i veterani della squadra, l’unico ad andare vicino alla vittoria in più di un’occasione è Tosh Van Der Sande, anche se mai in corse di primo piano. In primavera, il 30enne che il prossimo anno passerà alla Jumbo-Visma conquista due top 10 a Dwars door Vlaanderen e Amstel Gold Race, ma è soprattutto tra agosto e settembre che ottiene i risultati migliori, giungendo al secondo posto in una tappa del Giro di Danimarca, in una del Giro di Norvegia e alla Primus Classic, e salendo sul podio anche alla Brussels Cycling Classic e al GP di Vallonia. Risultati non eccezionali, ma che lo rilanciano dopo un 2020 piuttosto deludente.

Chi, invece, ha saputo regalare una grandissima soddisfazione al team nelle classiche è Florian Vermeersch. Il belga, infatti, si infila nella prima azione di giornata alla Parigi-Roubaix e da quel momento non lascerà più le prime posizioni della corsa. Dopo essere stato staccato da Gianni Moscon, infatti, è l’unico che riesce a tenere le ruote di Sonny Colbrelli e Mathieu van der Poel, presentandosi con loro all’interno del velodromo. Nella volata finale è costretto ad inchinarsi alla potenza del campione europeo, ma riesce comunque a chiudere la gara davanti al fuoriclasse neerlandese. Risultato che gli permette quasi di mettere la ciliegina sulla torta di una stagione che comunque era stata già abbastanza positiva grazie a risultati come l’ottavo posto nella cronometro di apertura del Giro di Svizzera, il nono nella prima volta della Vuelta a España e la medaglia di bronzo nella prova in linea per Under 23 dei mondiali nelle Fiandre 2021. Per lui, quindi, si prospetta un bel futuro, ma la squadra dovrà essere brava ad aiutarlo e accompagnarlo nel suo cammino di crescita.

Per quanto riguarda i giovani, un altro corridore che ha fatto vedere cose interessanti è stato Harry Sweeny. Per il classe 1998, infatti, al primo anno tra i professionisti non sono arrivate vittorie, ma è stato comunque in grado di mettersi in mostra in più occasioni. Il momento migliore della sua stagione è stata senza dubbio la dodicesima tappa del Tour de France, quando, dopo aver centrato la fuga giusta di giornata, è stato fino alla fine nel vivo della lotta per il successo parziale, chiudendo poi la frazione in terza posizione. A questo piazzamento di assoluto rilievo si aggiungono anche il nono posto nella quinta tappa del Giro del Delfinato e l’ottavo posto nella cronometro del Giro del Lussemburgo, dimostrando una buona continuità nell’arco della stagione.

Discorso simile può essere fatto per Kobe Gossens che, dopo aver conquistato la classifica degli scalatori al Giro di Romandia, riesce ad ottenere un sesto posto nella tappa di Guardia Sanframondi al Giro d’Italia, anche nel suo caso grazie ad una fuga da lontano. Dopo il ritiro anticipato dalla corsa rosa, però, non arrivano altri risultati di grande rilievo per lui.

Alcuni risultati sparsi qua e là arrivano anche da John Degenkolb. Nonostante per il tedesco non siano arrivate vittorie, infatti, la stagione è stata comunque forse quella dove ha mostrato più regolarità, pur senza picchi, di quelle che hanno seguito il terribile incidente che da inizio 2016 sta fortemente condizionando la sua carriera. Dopo aver iniziato, infatti, la stagione con alcune top 10 in Francia tra Etoile de Bessèges e Tour de la Provence, il classe 1989 ottiene un settimo posto a La Samyn e un secondo nella prima tappa della Volta Valenciana, prima di chiudere sesto la Tro Bro Leon e terzo la Volta van Limburg. Nel finale di stagione riesce a salire poi sul podio di una classica importante come il Gran Premio di Francoforte.

Stagione tutto sommato positiva anche quella di Harm Vanhoucke. Il corridore belga inizia la stagione con un buon quinto posto sulla salita di Jebel Hafeet in occasione della terza tappa dell’UAE Tour, piazzamento che ripete anche su un’altra importante salita come quella di Vallter 2000 alla Volta Catalunya. Tra i due piazzamenti,  anche la top 10 sfiorata in classifica generale alla Parigi-Nizza, mentre i risultati migliori arrivano comunque nella parte successiva di stagione, quando chiude in terza posizione la tappa degli sterrati di Montalcino al Giro d’Italia per poi essere secondo al Tour de l’Ain ad agosto. L’impressione generale è, però, che il classe 1997 abbia ancora un po’ di strada da fare prima di poter competere con i migliori scalatori del panorama internazionale.

Stagione tutto sommato positiva anche per l’italiano Stefano Oldani. Nonostante fosse stato richiesto da Philippe Gilbert al suo fianco, il milanese riesce comunque a mettersi in mostra anche in proprio. Dopo il sesto posto in una tappa del Giro dei Paesi Baschi, infatti, è uno dei due corridori della sua squadra che riesce a portare a termine il Giro d’Italia, ottenendo ben tre piazzamenti in top 10 in altrettante frazioni per uomini veloci. L’azzurro dimostra, comunque, di essere qualcosa in più che un semplice velocista, ottenendo un secondo posto alla Vuelta a Castilla y Leon e il terzo posto nell’arrivo di Bielsko – Biala al Giro di Polonia.

Cosa non ha funzionato

Non è sicuramente stato all’altezza delle aspettative la stagione di Philippe Gilbert. Il fuoriclasse belga sembra oramai avviato sulla strada del declino, come conferma la decisione di voler smettere al termine della prossima stagione. Dopo un incoraggiante quinto posto alla Omloop Het Nieuwsblad, infatti, la sua campagna del nord si è trasformata in un vero e proprio calvario fino alla decisione di rinunciare al Giro delle Fiandre a causa degli strascichi del problema al ginocchio riportato dopo la caduta nella prima tappa del Tour de France 2020. Il breve periodo di riposo, però, non giova al corridore che chiude fuori dai 100 la Liegi-Bastogne-Liegi. Dopo una Grande Boucle altrettanto anonima, arrivano un paio di piazzamenti nei dieci alla Druivenkoers – Overijse e alla Brussels Cycling Classic. Tuttavia l’esclusione della formazione belga per il mondiale in casa rappresenta l’ulteriore conferma di un’annata da dimenticare.

Dopo l’incredibile stagione 2020 in cui aveva ottenuto risultati di prestigio nelle volate della Vuelta a España, in questo anno non si sono registrati miglioramenti da parte di Gerben Thijssen.Il giovane belga, infatti, ha partecipato a ben poche corse di primo piano, ottenendo quindi scarsi risultati. Miglioramenti che non sono arrivati neanche dal britannico Matthew Holmes che conclude la stagione con un solo piazzamento nei dieci, con il sesto posto nella dodicesima tappa della Vuelta dopo una fuga da lontano. Buoni sprazzi, ma pecca in continuità.

Detto anche dell’annata piuttosto anonima di Tim Wellens e Thomas De Gendt, va sottolineata anche la stagione difficile di altri veterani del team come Tomas Marczynsky, che appenderà la bici al chiodo, e Frederik Frison, rallentato anche da un brutto infortunio in primavera. Ancor prima dell’inizio della stagione era arrivato un brutto infortunio anche per Kamil Malecki, tornato in gruppo solo ad agosto e in attesa della prossima stagione per tornare ai suoi livelli.

Top/Flop

+++ Caleb Ewan
++ Florian Vermeersch
+ Brent Van Moer
– Gerben Thijssen
— Thomas De Gendt
— Philippe Gilbert

Miglior Momento

A voler scegliere una vittoria il momento migliore è probabilmente l’impresa di Brent Van Moer al Giro del Delfinato. Una vittoria arrivata con un attacco da lontano, alla prima stagione da pro, che è anche un importante indizio per il futuro, quando non ci sarà più lo specialista delle fughe Thomas De Gendt. In ottica futura, però, è impossibile non sottolineare anche il secondo posto di Florian Vermeersch alla Parigi-Roubaix, che ha rivelato al team belga di avere in casa un possibile fuoriclasse, che bisogna ora far crescere nel modo migliore. Ovviamente, a livello di prestigio, i due successi di Caleb Ewan al Giro d’Italia sono le vittorie più importanti, confermando inoltre la qualità di un treno che rimane un riferimento assoluto in gruppo.

Migliori Risultati

Vittorie
3/09/2021 AUS EWAN Caleb 2.WT2s Bel Benelux Tour, Tappa 5 : Riemst – Bilzen
12/06/2021 AUS EWAN Caleb 2.PSs Bel Giro del Belgio, Tappa 4 : Hamoir – Hamoir
11/06/2021 AUS EWAN Caleb 2.PSs Bel Giro del Belgio, Tappa 3 : Gingelom – Scherpenheuvel-Zichem
11/06/2021 DEN KRON Andreas Lorentz 2.WT1s Sui Giro di Svizzera, Tappa 6 : Fiesch – Disentis-Sedrun
30/05/2021 BEL VAN MOER Brent 2.WT1s Fra Giro Del Delfinato, Tappa 1 : Issoire – Issoire
14/05/2021 AUS EWAN Caleb GT2s Ita Giro d’Italia, Tappa 7 : Notaresco – Termoli
12/05/2021 AUS EWAN Caleb GT2s Ita Giro d’Italia, Tappa 5 : Modena – Cattolica
28/03/2021 BEL DE GENDT Thomas 2.WT2s Esp Volta a Catalunya, Tappa 7 : Barcelona – Barcelona
22/03/2021 DEN KRON Andreas Lorentz 2.WT2s Esp Volta a Catalunya, Tappa 1 : Calella – Calella
27/02/2021 AUS EWAN Caleb 2.WT3s Uae UAE Tour, Tappa 7 : Abu Dhabi – Abu Dhabi
7/02/2021 BEL WELLENS Tim 2.1 Fra Etoile de Bessèges / Tour du Gard
5/02/2021 BEL WELLENS Tim 2.1s Fra Etoile de Bessèges / Tour du Gard, Tappa 3 : Bessèges – Bessèges
Totale: 12
Second Places
3/10/2021 BEL VERMEERSCH Florian 1.WT1 Fra Paris – Roubaix
19/09/2021 GER DEGENKOLB John 1.WT3 Ger Rund um den Finanzplatz Eschborn – Frankfurt
18/09/2021 BEL VAN DER SANDE Tosh 1.PS Bel Classic Impanis – Van Petegem
20/08/2021 BEL VAN DER SANDE Tosh 2.PSs Nor Giro di Norvegia, Tappa 2 : Sirdal – Sirdal
12/08/2021 BEL VAN DER SANDE Tosh 2.PSs Den Giro di Danimarca, Tappa 3 : Tønder – Vejle
31/07/2021 BEL VANHOUCKE Harm 2.1 Fra Tour de l’Ain
29/07/2021 ITA OLDANI Stefano 1.1 Esp Vuelta a Castilla y Leon
14/04/2021 GER DEGENKOLB John 2.PSs Esp Volta a la Comunitat Valenciana, Tappa 1 : Elche – Ondara
20/03/2021 AUS EWAN Caleb 1.WT1 Ita Milano – Sanremo
15/03/2021 BEL VAN MOER Brent 2.WT1s Ita Tirreno – Adriatico, Tappa 6 : Castelraimondo – Lido di Ferno
10/03/2021 AUS EWAN Caleb 2.WT1s Ita Tirreno – Adriatico, Tappa 1 : Lido di Camaiore – Lido di Camaiore
Totale: 11
Third Places
23/09/2021 BEL THIJSSEN Gerben 1.1 Bel Omloop van het Houtland – Lichtervelde
20/09/2021 BEL VERMEERSCH Florian WCUT Bel Campionati Mondiali U23 (Knokke-Heist – Brugge) Cronometro
15/09/2021 BEL VAN DER SANDE Tosh 1.PS Bel GP de Wallonie
28/08/2021 BEL VAN DER SANDE Tosh 1.PS Bel Brussels Cycling Classic
13/08/2021 ITA OLDANI Stefano 2.WT2s Pol Giro di Polonia, Tappa 5 : Chocholow – Bielsko-Biala
30/07/2021 BEL VANHOUCKE Harm 2.1s Fra Tour de l’Ain, Tappa 2 : Lagnieu – Saint-Vulbas
8/07/2021 AUS SWEENY Harrison GT1s Fra Tour de France, Tappa 12 : Saint-Paul-Trois-Châteaux – Nîmes
24/05/2021 GER DEGENKOLB John 1.1 Bel Ronde van Limburg
19/05/2021 BEL VANHOUCKE Harm GT2s Ita Giro d’Italia, Tappa 11 : Perugia – Montalcino
15/04/2021 AUS EWAN Caleb 2.PSs Esp Volta a la Comunitat Valenciana, Tappa 2 : Alicante – Alicante
24/02/2021 AUS EWAN Caleb 2.WT3s Uae UAE Tour, Tappa 4 : Al Marjan Island – Al Marjan Island
Totale: 11
• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Back to top button