© RFEC

Tokyo 2020, Gorka Izagirre: “Abbiamo passato una brutta nottata e abbiamo fatto ciò che potevamo. Valverde non ha riposato e aveva mal di schiena”

Gorka Izagirre racconta le difficoltà della Spagna a Tokyo 2020. La compagine iberica, infatti, in un primo momento si era vista mettere in dubbio persino la partecipazione alla vigilia della prova in linea a causa della positività di un massaggiatore al Covid-19, ma ha poi ricevuto il via libera dopo alcune ore di isolamento e nuovi tamponi negativi. Gli effetti di una giornata così tumultuosa si sono fatti sentire il giorno dopo in corsa, con il capitano designato Alejandro Valverde che è andato in difficoltà ancor prima che la corsa entrasse e con proprio il corridore dell’Astana-PremierTech come miglior piazzato con un anonimo ventitreesimo posto a oltre 6’ dal vincitore Richard Carapaz.

“Siamo un po’ delusi, avevamo un obiettivo e non abbiamo potuto centrarlo – ha dichiarato  dopo la corsa – La gara è stata molto dura, molto calda e abbiamo fatto tutto quello che potevamo. Sin da ieri mattina sapevamo del massaggiatore, non abbiamo potuto riposare bene, chiusi in camera, con tanta incertezza e nervosismo. All’inizio ci avevano detto che non potevamo uscire ed è stato un duro colpo per tutti noi finché due ore ci hanno detto che potevamo. È stata una brutta notte e abbiamo fatto quello che abbiamo potuto. Valverde ci ha detto che non ha riposato affatto bene, che era stanco e aveva dolore alla schiena. La verità è che per noi non è stato facile e abbiamo fatto ciò che potevamo”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.