© Sirotti

Settimana Coppi e Bartali 2021, ancora Jonas Vingegaard!

Jonas Vingegaard conquista la quarta tappa della Settimana Coppi e Bartali 2021. Il leader della generale conquista la sua seconda tappa in questa edizione, imponendosi davanti a Javier Romo (Astana-Premier Tech) sul traguardo di San Marino. A completare il podio di giornata, ancora una volta, è Nick Schultz (Team BikeExchange), mentre Ethan Hayter (Ineos Grenadiers) chiude in quarta posizione. Grazie al successo odierno, il capitano della Jumbo – Visma guadagna terreno sui suoi rivali, che stamani erano in tre ad un solo secondo dal suo primato.

La partenza avviene a ritmi decisamente elevati, dato che tanti uomini vogliono far parte della fuga di giornata. Questa si forma soltanto dopo una lunghissima serie di scatti e controscatti. L’azione buona viene promossa da Manuele Boaro (Astana-Premier Tech), Edoardo Zardini (Vini Zabù), Txomin Juaristi (Euskaltel-Euskadi) e Abner González (Movistar), che si avvantaggiano sul plotone dopo una quindicina di chilometri. Alle loro spalle si forma un gruppetto di inseguitori, di cui fanno parte Eduardo Sepulveda (Androni Giocattoli-Sidermec), Vincenzo Albanese (Eolo-Kometa), Xabier Mikel Azparren (Euskaltel-Euskadi), Davide Gabburo (Bardiani-CSF) e Cristian Scaroni (Gazprom-Rusvelo).

Albanese perde presto contatto, mentre da dietro riesce a rientrare Alejandro Osorio (Caja Rural-Seguros RGA). Quando anche Gabburo si stacca, dal plotone parte Guy Niv (Israel Start-Up Nation), che invece si riporta sugli inseguitori. I dieci fuggitivi si riuniscono davanti, mentre dal gruppo attaccano prima Jonathan Canaveral (Bardiani-CSF) e poi Marton Dima (Eolo-Kometa), che da soli riescono a riportarsi sui battistrada. In questo modo dunque si compone la fuga di dodici uomini che anima la giornata: il gruppo concede al massimo 3’48” prima che la Jumbo-Visma inizi a tirare per tenere la situazione sotto controllo, a tratti aiutata anche dalla Movistar.

Davanti il gruppetto di attaccanti procede di comune accordo fino alla volata per il primo GPM di giornata, in cui Osorio batte Dina. La scena si ripete sul secondo passaggio in cima alla salita, ma stavolta i due formano un gruppetto in cui si inseriscono anche Zardini e Canaveral. Dina va presto in difficoltà, tanto da essere ripreso dal plotone. Gli otto inseguitori, dopo essere scivolati a più di 30″, si organizzano invece per rientrare e procedono di comune accordo, fino a riuscire nel loro intento a quattro giri dalla fine, in cui tornano a essere undici i battistrada. Il gruppo nel frattempo inizia a organizzare la sua lenta ma inesorabile rimonta, che lo riporta a meno di un minuto e mezzo a tre giri dalla fine. Rimane invece coinvolto in una caduta Ivan Ramiro Sosa (Ineos-Grenadiers), uno dei favoriti di giornata.

Al terzultimo giro prova l’attacco Sergio Henao (Qhubeka-Assos), imitato poco dopo da James Piccoli (Israel Start-Up Nation) e Jacopo Mosca (Trek-Segafredo), che si riportano su di lui. Davanti intanto la fuga perde pezzi: Osorio, transitato secondo all’ultimo GPM e diventato così leader della classifica scalatori, si fa riprendere dal gruppo, Canaveral e Gonzalez si staccano dalla fuga. Davanti allora allunga Juaristi, ma tra attacchi dei fuggitivi e azioni in gruppo si forma un gruppo di nove uomini, composto da Kevin Colleoni (Team Bike Exchange), Sergio Henao, Felix Gall (DSM), Manuele Boaro (Astana Premier Tech), Txomin Juaristi, Eduardo Sepulveda, Guy Niv, Hector Carretero (Movistar) e Cristian Scaroni. Il plotone però li riprende già prima dell’inizio dell’ultimo giro.

A 12 chilometri dall’arrivo attacca di nuovo Carretero, che guadagna presto una quindicina di secondi. Da dietro prova a lanciarsi al suo inseguimento Oier Lazkano (Caja Rural-Seguros Rga), che rientra presto sulla testa. All’ultimo giro Lazkano stacca Carretero e prova a proseguire da solo, con un margine di una decina di secondi. La sua azione però si appesantisce e viene neutralizzata a 4 km dall’arrivo, a cui il gruppo arriva compatto. L’andatura quindi aumenta ulteriormente su impulso della Israel Start-Up Nation, che accelera in vista dell’ultima scalata verso il traguardo. Primo a scattare è Javier Romo (Astana – Premier Tech), ma su di lui è pronto a riportarsi Jonas Vingegaard (Jumbo-Visma). I due non riescono a fare la differenza, ma restano comunque davanti per andarsi a disputare il successo in uno sprint che vede il leader della generale avere la meglio su un gruppettino dei migliori che si è selezionato sulle rampe conclusive.

Risultato Quarta Tappa Settimana Coppi e Bartali 2021

Classifica Generale Settimana Coppi e Bartali 2021

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *