Giro d’Italia U23 2018, Affini vince il prologo ed è la prima maglia rosa!

Edoardo Affini (SEG Racing Academy) fa suo il prologo iniziale del Giro d’Italia U23 2018, aggiudicandosi così la prima maglia rosa. Il quasi 22enne mantovano, nel circuito di 4.4 chilometri di Forlì, è riuscito ad avere la meglio, per un solo secondo, sul belga Jasper Philipsen (Hagens Berman Axeon) e di un altro italiano, Matteo Sobrero (Dimension Data for Qhubeka), per quattro secondi. Altri due azzurri si sono piazzati in top ten, ovvero il non ancora 20enne Alexander Konychev (Petroli Firenze Hopplà Maserati), quinto a cinque secondi, e Matteo Moschetti (Polartec-Kometa), settimo a sei secondi, che si è fatto conoscere in questo inizio di stagione per i numerosi successi in volata in corse semiprofessionistiche.

Domani i corridori ripartiranno da Forlì e arriveranno a Riccione, in una tappa di 138 chilometri che dovrebbe sorridere ai velocisti. Attenzione quindi a Philipsen, velocista puro, che l’anno scorso vinse una tappa davanti a Fabio Jakobsen, oggi alla QuickStep-Floors coi professionisti, e che quindi domani potrebbe già provare a sfilare la maglia rosa dalle spalle di Affini. Occhio chiaramente anche a Moschetti, pronto a rimpinguare il bottino di vittorie stagionali.

Con un chilometraggio così breve i distacchi sono stati ovviamente molto risicati, con l’ultimo dei 176 atleti presenti al via che è arrivato con un ritardo di 53 secondi. “Domani è una tappa per velocisti, con un paio di strappi a circa 20 chilometri dall’arrivo – ha spiegato Affini dopo il traguardo – Proveremo a difendere la maglia, però intanto me la godo, sapendo che poi dovrò lavorare per la squadra”.

 

 

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.