Giro di Slovenia 2018, Uran supera Impey

Colpo doppio di Rigoberto Uran al Giro di Slovenia 2018. Con un finale mozzafiato il capitano della EF-Drapac supera di misura Daril Impey (Mitchelton-Scott) e si prende tappa e maglia al termine di una salita incerta sino all’ultimo metro. A chiudere il podio di giornata è Primoz Roglic (LottoNL-Jumbo) autore del forcing decisivo nel finale per andare a riprender Matej Mohoric (Bahrain-Merida), ma che negli ultimi 200 metri si è dovuto arrendere alla rimonta in una volata lunghissima di Impey, poi saltato da Uran.

Dopo un inizio frenetico in cui si susseguono i tentativi di attacco, poco prima di passare i 50 chilometri di corsa sono Roger Kluge (Mitchelton-Scott) e Marcel Kittel (Katusha-Alpecin), due nomi sorprendenti che trovano subito l’intesa per continuare la loro azione. A metà corsa riescono ad avere un vantaggio di cinque minuti, con il gruppo che chiaramente non è preoccupato da due corridori che son tutt’altro che scalatori.

LottoNL – Jumbo e Bahrain – Merida tengono dunque un ritmo abbastanza blando, con l’inseguimento condotto a lungo da Dylan Groenewegen, che trova così comunque il modo per un confronto con Kittel. Si arriva così ai piedi della salita decisiva, posta a 23 chilometri dalla conclusione, con un gao di appena un minuto, che fonde rapidamente alle prime pendenze della salita di Celjska Koca. Kluge è l’ultimo ad arrendersi con Primoz Roglic che si lancia all’attacco a venti chilometri dalla conclusione. Rafal Majka (Bora-hansgrohe) non lo lascia andare, con altri corridori che riescono a rientrare poco dopo.

Si forma così un gruppetto di una decina di unità che grazie al nuovo forcing di Roglic riesce a resistere al rientro del gruppo, con lo sloveno che scollina con qualche metro di vantaggio assieme a Jai Hindley (Sunweb). Nella discesa è pero Matej Mohoric (Bahrain-Merida) a fare la differenza, confermando le sue doti nella specialità. A valle lo sloveno ha dunque un vantaggio di venti secondi su un gruppetto di circa 20 corridori che si forma alle sue spalle, nel quale ci sono tutti i capitani annunciati, ma non c’è intesa.

L’inseguimento diventa concreto quando Luka Mezgec (Mitchelton-Scott) rientra da dietro e si porta subito in testa. Il vantaggio di Mohoric ai piedi del muro conclusivo è dunque ridotto a 15 secondi con Michael Storer (Sunweb) che sembra in grado di vincere la battaglia di scatti e controscatti alle spalle del leader. Ma quando il giovane australiano sta per rientrare sulla testa della corsa è uno scatto nuovamente di Roglic a fare la differenza, con il corridore della LottoNL-Jumbo che chiude su tutti.

A quel punto ci prova un corridore della Gazprom-Rusvelo, il cui tentativo ha durata brevissima perché nuovamente Roglic accelera a 500 metri dalla conclusione, creando un piccolo gap alle sue spalle. Si gestisce tuttavia bene Daryl Impey (Mitchelton-Scott) che concede qualche metro a Roglic per poi andarlo a riprendere con una volata lunghissima. Il sorpasso avviene a 100 metri dall’arrivo, ma il campione sudafricano è costretto a sua volta ad arrendersi alla rimonta di Rigoberto Uran (EF-Drapac) che si impone dopo un testa a testa serrato, uscendo meglio dall’ultima curva.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.