© Turismo FVG

Italia, aperta seggiovia dedicati ai vincitori di tappa sullo Zoncolan, ma è polemica: mancano i nomi delle donne

Ciclovia rosa, ma con giallo, sul Monte Zoncolan. Nei giorni scorsi è stata infatti inaugurata sul monte friulano la prima seggiovia a sei posti della regione dedicata alla corsa rosa. I posti portano il nome dei corridori che hanno conquistato lo Zoncolan durante il Giro d’Italia: vale a dire Gilberto Simoni (che ci ha vinto due volte da due versanti diversi), Ivan Basso, Michael Rogers, Igor Anton, Chris Froome e Lorenzo Fortunato, ultimo a riuscire nell’impresa nell’edizione di quest’anno e presente all’inaugurazione insieme ad altre personalità del mondo del ciclismo, come Matteo Fabbro ed Enrico Gasparotto.

Non mancano però le polemiche, visto che Cyclingweekly fa notare che mancano due nomi: quelli di Annemiek Van Vleuten e Fabiana Luperini, vincitrici sullo Zoncolan rispettivamente nel 2018 e nel 1997.  Al momento non è arrivata una spiegazione ufficiale, anche se c’è da dire che con soli sei posti a disposizione qualcuno andava escluso per forza di cose, ma a molti non sembra andare giù soprattutto l’esclusione della toscana, che in effetti, seppur dal versante meno duro di Sutrio, è stata la prima oltre che la più giovane della storia ad aver conquistato lo Zoncolan.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *