Bardiani-CSF, Simion trasportato in ospedale per un incidente in allenamento

Grande spavento per Paolo Simion. Mentre si allenava nel trevigiano il corridore della Bardiani – CSF è rimasto vittima di un incidente per il quale è stato immediatamente trasportato in ospedale in elicottero. Fortunatamente nel nosocomio di Treviso sono state escluse fratture e il 26enne di Castelfranco Veneto è ora cosciente e lucido, potendo rispondere a medici e familiari. Il colpo alla testa è stato tuttavia notevole e i dottori hanno preferito tenerlo sotto osservazione per valutare la presenza e l’entità di un trauma cranico. Era andata meno bene nei giorni scorsi a Mark Renshaw (Dimension Data), che ha riportato la frattura del bacino dopo uno scontro con un’auto.

L’incidente è avvenuto nei pressi di una rotonda in centro al paese e l’esatta dinamica è in corso di accertamento. Testimoni oculari hanno visto Simion finire rovinosamente a terra dopo aver colpito il cordolo di un marciapiede per evitare l’impatto con un’automobile. Immediatamente soccorso dai presenti (incluso l’autista dell’auto di cui sopra), il veneziano ha ripreso conoscenza all’arrivo dell’auto medica che l’ha immobilizzato. Dopo i primi riscontri positivi alle domande del personale medico, è stato trasferito tramite elisoccorso all’ospedale di Treviso, più attrezzato per traumi cranici e celebrali rispetto al vicino ospedale di Montebelluna. Gli accertamenti, incluse radiografie e una TAC con contrasto al cranio, hanno escluso gravi danni e rilevato il solo ematoma.

Nonostante un blackout di memoria di tre ore, Simion ha parlato coscientemente con i genitori e lo staff della Bardiani-CSF. Come conferma il DS Zanatta, che l’ha raggiunto in ospedale, il corridore è ancora un po’ stordito, ma sereno e tranquillo.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.