Canyon-SRAM, Chloé Dygert operata al cuore: “Soffrivo di aritmia, ora il peggio è alle spalle”

Ancora un problema fisico da superare per Chloé Dygert. La statunitense, in forza alla Canyon-SRAM, si era da poco messa alle spalle il periodo di recupero dopo il tremendo incidente ai Mondiali di Imola 2020, ha dovuto tornare sotto i ferri del chirurgo per un’operazione al cuore. Si è trattato di un’ablazione cardiaca, resasi necessaria per ovviare a un problema di aritmia di cui Dygert soffriva da tempo. Nell’ultimo periodo, però, i fastidi sono diventati più frequenti e di maggiore entità e così l’atleta statunitense, 25 anni, ha deciso di sostenere l’operazione chirurgica.

A rendere noto il positivo esito dell’operazione è stata la stessa Dygert, che ha fatto sapere di aver già ripreso ad allenarsi. “C’è stato un episodio in cui, durante un’uscita in bici senza particolari difficoltà, il battito è arrivato a 219, poi è rimasto a 205 per 5 minuti e poi a 195 per altri 10 minuti – le parole della statunitense raccolte da VeloNews – Il mio timore era che potesse succedermi durante una gara, quindi ho deciso di far mettere a posto la situazione. Ero in sella già 5 giorni dopo l’operazione”.

Dygert confida che “ormai il peggio sia alle spalle”. Nel 2022 l’iridata 2019 a cronometro ha corso una sola gara a livello UCI, a febbraio, prima di dover fare i conti con  il virus di Epstein-Barr; nell’anno precedente, invece, si è vista in azione in sole tre occasioni, ovvero i Campionati nazionali e le due prove olimpiche di Tokyo 2020 su strada. La speranza sua e della sua squadra (una di livello WorldTour) è che d’ora in poi i problemi fisici siano tutti definitivamente superati.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Back to top button