Parigi-Nizza 2022, soltanto 59 corridori concludono la gara: mai così pochi dal 1985

Una Parigi – Nizza da record quella vinta da Primož Roglič pochi giorni fa. La corsa a tappe francese ha registrato un numero di ritiri impressionante che hanno decimato letteralmente il gruppo. Sulla Promenade des Anglais, luogo d’arrivo dell’ultima tappa, soltanto 59 corridori hanno terminato la gara. Numeri del genere non si vedevano dal 1985 quando a concludere gli 8 giorni di gara furono 58 corridori. Nell’edizione di quest’anno, già nelle prime due tappe si era registrato un numero impressionante di ritiri dovuti a bronchiti, virus ed influenze varie. Se ad essi si aggiungono le cadute ed il meteo avverso dell’ultima tappa ecco che si arriva a un numero così impietoso.

Simon Yates, vincitore dell’ultima tappa, è stato il solo corridore della BikeExchange – Jayco a portare a termine la competizione. Oltre a lui, anche Astana Qazaqstan Team, Intermarché-Wanty-Gobert, Israel-Premier Tech e QuickStep-AlphaVinyl hanno chiuso la corsa a tappe transalpina con un solo corridore. Chi invece non ha visto transitare alcun atleta sotto lo striscione d’arrivo di Nizza è la Bora – Hansgrohe che dopo la caduta di Aleksandr Vlasov durante la tappa, ha visto ritirarsi tutti gli uomini presenti sul percorso. Numeri impressionanti considerando che alla partenza della prima tappa i corridori erano ben 154. Dati simili si registrarono anche nel 2020, quando con soltanto 17 squadre al via a causa del Covid, a terminarla furono in 61.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Back to top button