© UAE Team Emirates

Giro di Romandia 2019, Rui Costa: “Battere un Roglic così era praticamente impossibile”

Rui Costa chiude con un positivo secondo posto il Giro di Romandia 2019. Settimo nella crono conclusiva, il portoghese si è dimostrato costante e regolare nell’arco dell’intera settimana, concludendo due volte secondo e una terzo, con una sola tappa fuori dai primi dieci. Il capitano della UAE Team Emirates se l’è giocata ogni giorno con i migliori, sfiorando più volte il successo e ritrovando così sensazioni e prestazioni che da qualche tempo sembravano mancargli. Purtroppo per lui, si è scontrato con Primoz Roglic (Jumbo-Visma), al quale ha dovuto pagare soprattutto a cronometro.

“Fare settimo oggi nella crono e conquistare il secondo posto finale è stato molto importante per il mio morale. Battere un Roglic così era praticamente impossibile, così anche il mio piazzamento assume più valore. Ora voglio continuare a lavorare bene e cercare di raccogliere il massimo al Giro di Svizzera”, commenta soddisfatto il corridore lusitano, che ha confermato l’ottimo feeling con le corse a tappe di una settimana.

“Il percorso di questa crono era molto interessante e selettivo – aggiunte – L’ultima parte era molto veloce e gestire bene le energie lungo il tragitto, mantenendo le forze necessarie per poter correre a tutta i 6 chilometri finali con la strada in leggera discesa, era fondamentale”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.