Giro dei Paesi Baschi 2021, Primoz Roglic raggiante dopo il trionfo: “Non ho mai pensato di non saper gestire le ultime tappe”

Primoz Roglic si gode il successo al Giro dei Paesi Baschi 2021. Il corridore della Jumbo-Visma dopo la tappa vinta da David Gaudu e che gli ha consegnato il successo nella generale si è presentato ai nostri microfoni particolarmente felice e con un buonumore quasi contagioso. Lo sloveno ha raccontato la sua giornata e la sua settimana, mostrandosi particolarmente orgoglioso anche dei giovani compagni di squadra, che con il secondo posto di Jonas Vingegaard hanno messo la ciliegina sulla torta in una corsa dominata dalla compagine di Richard Plugge, che proprio con Roglic aveva conquistato anche la prima tappa.

“Che gara, eh? Me l’aspettavo così, breve ma intensa – ha esordito –  Poteva essere lunga e noiosa per più di 100 chilometri oppure a tutta per 100 chilometri.  È stata molto difficile, ma alla fine è andato tutto bene, quindi sono molto contento. Questa corsa mi è sempre piaciuta perché è molto dura, mi sono divertito sin dall’inizio, avevo già raggiunto dei buoni risultati e come ho già detto sono qui con un team giovane. I miei compagni sono stati fortissimi e Jonas è arrivato secondo alla fine. È stata una settimana bella e divertente per noi”.

Il campione sloveno poi ha risposto anche alle critiche di chi lo accusava di non essere in grado di gestire le ultime tappe dopo quanto accaduto alla Parigi-Nizza e allo scorso Tour de France, quando fu rimontato da Pogacar, principale (ma per lui non unico) rivale anche questa settimana: “In questa corsa si è parlato solo di me e Pogacar, ma non abbiamo corso solo io e lui, c’erano molti altri corridori forti. Dovevamo solo concentrarci sulla gara e come gestirla al meglio e fortunatamente oggi è andata molto meglio per me, rispetto ad esempio all’ultima tappa della Parigi-Nizza. Non ho mai creduto di non saper fare le ultime tappe o cose del genere, in un paio di situazioni è stata più che altro sfortuna, ma dall’altro lato è anche vero che mi trovo sempre in queste situazioni, questo è chiaro a tutti. Bello che oggi non abbia avuto nessun problema e sia potuto andare a tutta e divertirmi”.

Alla fine andando via il classe ’89 si è lasciato andare anche a una simpatica battuta, che fa capire anche come finalmente si sia tolto un peso dalle spalle: “Finalmente un’intervista più facile rispetto a quelle che faccio di solito nell’ultimo giorno” ha infatti concluso ridendo.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.