© Sirotti

Doping, uno studio dell’AMA rivela che non c’è correlazione tra permessi AUT e possibilità di vittoria

Nessun legame tra AUT e possibilità di vittoria. Le AUT sono permessi speciali che le istituzioni antidoping accordano ad alcuni sportivi per usare delle sostanze vietate a scopo terapeutico e che molto avevano fatto discutere l’opinione pubblica. Uno studio condotto dall’agenzia mondiale antidoping e pubblicato sul British Journal Sports of Medicine potrebbe chiudere il dibattito. Lo studio, che porta le firme di Alan Vernec e David Healy, rispettivamente direttore medico e responsabile AUT dell’AMA, si è concentrato sulle ultime cinque olimpiadi, sia estive che invernali, tenute tra il 2010 e il 2018.

Dall’analisi è venuto fuori che meno dell’1% degli sportivi è in possesso di permessi AUT, e che questi ultimi non incidono sulla possibilità di successo: “I dati mostrano che la proporzione di sportivi con una AUT valida (nelle competizione individuali) agli ultimi Giochi Olimpici era inferiore all’1%. L’analisi porta anche a credere che non ci sia un legame significativo tra il fatto di avere una AUT e la possibilità di ottenere una medaglia” è stato il commento di Healy.

Secondo i dati pubblicati, erano presenti atleti con AUT allo 0,9% delle prove (181 su 20139) e 21 medaglie su 2062 sono andate a sportivi con AUT.

Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming
Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.