© LaPresse - D'Alberto / Ferrari

Deceuninck-Quick-Step, Giro e Tour per Jungels e Viviani?

Ci sarà anche Bob Jungels al Giro d’Italia 2019. Dopo aver vinto la maglia bianca di miglior giovane nel 2016 e 2017, indossando per qualche giorno la maglia rosa in entrambe le edizioni, il lussemburghese della Deceuninck-Quick-Step farà ritorno in Italia dopo aver preferito il Tour de France nel 2018, chiuso all’undicesimo posto. Il percorso della Corsa Rosa si adatta particolarmente alle caratteristiche dell’ultimo vincitore della Liegi-Bastone-Liegi, con tre cronometro, seppur frastagliate, che potrebbero dargli l’occasione di provare a migliorare il sesto posto del 2016.

Dopo il Giro potrebbe quindi esserci spazio anche per la Grande Boucle, che correrà però a supporto dei compagni. Il capitano per la classifica generale potrebbe essere Enric Mas che, insieme a Julian Alaphilippe, proverà a tenere alta la bandiera del Wolfpack. L’ago della bilancia sarà però rappresentato da Elia Viviani, che potrebbe essere a sua volta propenso a correre sia il Giro che il Tour. Se la corsa italiana non sembra discussione, sia perché deve difendere la maglia ciclamino, sia perché termina nella sua Verona, qualche dubbio in più sul Tour c’è. Il fatto che Fernando Gaviria è emigrato verso la UAE-Emirates, però, potrebbe rappresentare una ghiotta occasione per lui per avere la squadra a sua disposizione nella corsa più prestigiosa al mondo.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.