Bahrain-Merida, Vincenzo Nibali all’ospedale de L’Aquila per un trattamento di terapia antalgica

Vincenzo Nibali sottoposto a trattamento di terapia del dolore all’ospedale de L’Aquila. Il corridore della Bahrain – Merida si è recato nella struttura del San Salvatore, fra i pochi in Italia a praticare cure di questo tipo senza farmaci, lo scorso 20 settembre, nel massimo riserbo. A diffondere la notizia nella giornata odierna è stata la ASL 1 Abruzzo, che ha reso noto che il corridore si sottoporrà nelle prossime settimane a nuove sedute di questa terapia per concludere un ciclo completo. Il trattamento antalgico è durato circa 15 minuti e il siciliano, accompagnato dal fidato medico sociale Emilio Magni, è rapidamente tornato in sella per verificare da subito gli effetti delle prime cure.

Lo Squalo dello Stretto ha dunque deciso di affidarsi a queste nuove pratiche con guida ecografica nello specifico ambulatorio di terapia del dolore, diretto da Pierfrancesco Fusco. In questo reparto, che fa capo al servizio di anestesia, rianimazione e cure palliative diretto da Franco Marinangeli, da anni si organizzano tecniche innovative di anestesia locale e di specifica terapia del dolore, con la partecipazione di numerosi specialisti.

Un approccio innovativo quello a cui si è sottoposto Nibali, definito dagli specialisti come un dry needling ecoguidato, che tratta il dolore muscolo-scheletrico senza ricorrere a farmaci, ma intervenendo direttamente su muscoli e fasce nervose con lunghi aghi molto sottili. Una procedura che può rivelarsi molto preziosa per gli atleti sottoposti a rigidi controlli antidoping, permettendo un più rapido recupero fisico senza alcun intervento farmacologico. Una procedura che conferma la costante ricerca di novità della formazione emiratina e dello staff medico attorno al siciliano.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.