© ASO

Parigi Roubaix 2021, Peter Sagan: “Ho un rapporto di amore-odio con questa corsa”

Peter Sagan fissa il mirino sulla Parigi Roubaix 2021. Reduce da un mondiale piuttosto deludente, il corridore della Bora-Hansgrohe è pronto a cercare il riscatto nella classica monumento francesce che andrà in scena domenica 3 ottobre. Il tre volte campione del mondo, già vincitore della classica del pavè nel 2018, ammette però come questa sia una corsa diversa da tutte le altre. Le difficoltà e le continue insidie la rendono unica e anche lo slovacco ammette di viverla con un rapporto particolare, che egli stesso non esita a definire di amore-odio.

Il vincitore della maglia ciclamino al Giro d’Italia 2021, in un’intervista a Sporza, non ha esitato a definire la classica francese come una vera e propria lotteria: “Lungo la strada possono succedere mille cose, ma è sicuramente una bella gara da vedere in tv. Io in realtà ho un rapporto di amore-odio con questa corsa. Se quel giorno sei fortunato, la Roubaix è una grande gara. Ma se sei sfortunato, la Roubaix può essere una gara molto lunga e terribile”.

“Guardando i vincitori – prosegue lo slovacco – o sono corridori fortunati o corridori che quel giorno avevano delle gambe incredibili. Puoi forare nel momento sbagliato o cadere o essere trattenuto da una caduta e questo può giocarti brutti scherzi per il resto della gara. Alla Roubaix, anche se non sei il più forte, puoi ancora vincere. Comunque è una bella gara da guardare in tv, lo capisco. Quel giorno siamo combattenti in bici ed è questo che ogni appassionato di ciclismo ama”.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *