Tour de France 2022, capolavoro di Christophe Laporte: “Van Aert mi ha detto che oggi toccava a me”

Ancora una magia della Jumbo – Visma al Tour de France 2022. Dopo una Grande Boucle passata a servizio dei compagni di squadra, oggi è toccato a Christophe Laporte prendersi la sua giornata di gloria sul traguardo di Cahors. Autore di un’ottima primavera, il classe 1992 è arrivato al GT di casa supportato da un’ottima condizione che gli ha permesso di ottenere il secondo successo stagionale dopo la splendida affermazione a marzo alla Parigi – Nizza. Il transalpino ha dimostrato ancora una volta di essere qualcosa in più di un velocista e il team sa di poter contare su di lui come grande uomo squadra, ma anche per cercare altri successi.

“La squadra mi ha dato fiducia – ha dichiarato ai nostri microfoni dopo la tappa – Wout mi ha detto che oggi toccava a me. L’ultima volta che me lo aveva detto era alla Parigi-Nizza ed era già andata bene. A 1500 metri ho visto che si stava creando il buco, quindi mi sono detto che poteva essere il momento giusto e sono partito. Poi ho rilanciato l’azione prima di partire”.

“Ringrazio la squadra che mi ha dato questa possibilità malgrado stiamo lottando per la vittoria del Tour – ha proseguito l’ex Cofidis – Poteva anche essere una tappa per Wout Van Aert, ma è stato lui a dirmi che potevo provarci. Non so cosa dire, sono senza parole. Ringrazio la mia famiglia per tutto il sostegno. Sono felicissimo”.

 

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Back to top button