© Sirotti

Tour de France 2018, White spiega l’esclusione di Ewan: “Scelta difficile, Yates ha ottenuto risultati tutto l’anno”

La Mitchelton-Scott ha deciso di spiegare l’esclusione di Caleb Ewan dalla formazione del Tour de France 2018. La formazione australiana ha deciso di non inserire nella propria lista di convocati il velocista, vincitore al Giro d’Italia 2017 della tappa con arrivo ad Alberobello. Il roster sarà costruito intorno ad Adam Yates, che punta a migliorare il proprio quarto posto (con tanto di maglia bianca) nel 2016 nella corsa di quest’anno. Con la riduzione della rosa a otto corridori, la difficile scelta ha deciso di premiare i risultati positivi ottenuti dal britannico in quest’avvio di stagione, ultimo dei quali il secondo posto con vittoria di tappa al Giro del Delfinato.

Il direttore sportivo della Mitchelton-Scott Matt White ha parlato della selezione al Tour de France 2018 a Cycling Weekly, spiegando le ragioni dietro la strategia di squadra: “Negli ultimi due anni ci siamo sforzati molto per il treno delle volate, ma non ha funzionato come volevamo. È difficile quando hai un corridore di 23 anni che non è mai stato al Tour de France, ma hai anche Adam Yates che è andato in crescendo di forma e ha ottenuto risultati per tutto l’anno, compreso il Delfinato questo mese”.

White smentisce anche le voci che collegano la scelta della squadra con il futuro del velocista, che potrebbe correre per la Lotto Soudal nel 2019: “Abbiamo dovuto scegliere se smezzare le nostre scommesse su entrambi i ragazzi o incanalare le energie su Adam e i compagni intorno a lui. Sul comportamento del nostro team, posso solo dire che per esempio nel 2016 sapevamo che Michael Matthews sarebbe andato alla Sunweb ma l’abbiamo portato al Tour e ha vinto una tappa. Qualsiasi siano i piani di Caleb per la prossima stagione, dobbiamo prendere una decisione su cosa è meglio per il nostro Tour adesso“.

Un dato su tutti può spezzare una lancia a favore della Mitchelton-Scott: sulle 17 volate disputate da Ewan in stagione, l’australiano si è imposto soltanto in due occasioni, a gennaio in una tappa del Santos Tour Down Under e a febbraio nella Clasica de Almeria. Dei potenziali rivali alla Grande Boucle, era presente soltanto Peter Sagan, nella corsa oceanica.


• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *