© LaPresse / D'Alberto-Ferrari

Tokyo 2020, Victor Campenaerts ha fallito la qualificazione e ora è nell’incertezza

Victor Campenaerts naviga un po’ nell’incertezza in vista del 2020. Il recordman dell’ora aveva infatti intenzione di incentrare la sua stagione sulla cronometro dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020, ma non è riuscito al momento a conquistare la qualificazione automatica in palio tra Europei e Mondiali. Il corridore della Lotto Soudal aveva infatti scelto di non partecipare alla rassegna continentale, poi conquistata dal connazionale Remco Evenepoel, fiducioso di poter ottenere quantomeno un posto tra i primi otto al Mondiale, una corsa il cui tracciato sembrava molto adatto alle sue caratteristiche. Partito bene e con grandi motivazioni, una caduta lo ha subito tagliato fuori dai giochi per le posizioni di vertice, ma mentre cercava ancora di rimontare per un possibile piazzamento sul podio un problema meccanico lo ha costretto ad uno sfortunato cambio bici. Autore a quel punto dell’undicesimo tempo, non ha riempito i criteri per ottenere la certezza della propria partecipazione.

Con cinque posti a disposizione nella prova in linea e due nella cronometro, il selezionatore Rik Verbrugghe non può al momento garantire la convocazione al futuro corridore del Team NTT (nuovo nome della Dimension Data), anche in considerazione del fatto che chi partecipa alla crono deve essere anche al via della prova regina. Su un tracciato per scalatori, il ruolo di Campenaerts è necessariamente minore e questo complica la situazione. Considerando che il baby-fenomeno Evenepoel ha già il posto garantito, il secondo posto è molto ambito e può rivelarsi fondamentale.

“Ora possiamo scegliere chi sarà il secondo cronoman – spiega il cittì belga a cyclingnews – Potrebbe essere lui, oppure bisognerà vedere come andranno le cose con Wout Van Aert. Ma è vero che se si porta uno specialista si perde un corridore per la corsa in linea visto che saranno distanziati al rifornimento per concentrarsi sulla crono. Remco può fare entrambe, ma sarà difficile scegliere per il secondo posto. Anche Laurens De Plus potrebbe fare entrambe le prove, ma vedremo…”

Se da un lato “è ancora presto per parlare ai corridori”, è evidente la necessità di preparare un calendario e lo staff di Campenaerts ha cominciato a muoversi per comprendere la situazione e le proprie possibilità. “Vogliamo che sia fatta rapidamente chiarezza nel 2020 – spiega l’allenatore Kurt Lobbestael a Sport.be – Non possiamo aspettare fino a giugno per sapere se sarà selezionato o meno. I Giochi in Giappne necessitano di una preparazione minuziosa per il caldo, l’umidità, ecc. Chiediamo di darci una data in cui sarà chiarito. Vorremmo anche sapere quali risultati dovrebbe ottenere per essere autorizzato a partecipare ai Giochi. Che prestazione dovrebbe fare, come ad esempio un risultato in una grande corsa come la crono di Tirreno – Adriatico, Parigi – Nizza o Giro d’Italia…”

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.