Presentazione Percorso e Favoriti GP Denain 2019

La Francia si prepara ad accogliere il GP Denain 2019. Giunta alla sua edizione numero 60, la tradizionale prova del calendario primaverile transalpino mantiene l’impostazione dello scorso anno, quando fece registrare un’inattesa rottura col passato. Gli organizzatori hanno infatti confermato la presenza di ben 20 chilometri (su 198 totali) in pavè con l’obiettivo di rendere la corsa una sorta di “piccola Roubaix” aprendo a scenari tattici che vadano oltre il classico arrivo allo sprint. Fallito il proposito dodici mesi or sono, a causa soprattutto del maltempo che costrinse a una drastica riduzione (per un totale di cinque chilometri) dei tratti sulle pietre, la kermesse si propone questa domenica 24 marzo come un interessante banco di prova per gli uomini da classiche in vista dell’imminente ritorno in Belgio. Proprio i corridori belgi vantano il campione in carica, Kenny Dehaes, nonché il maggior numero di successi: 26 contro i 19 dei padroni di casa, che hanno in Jimmy Casper il plurivittorioso con quattro affermazioni. L’ultimo italiano a imporsi è stato invece Alberto Vinale nel 2002.

ORARIO DI PARTENZA: 12:00

ORARIO D’ARRIVO (Previsto): 16:38 – 17:06

HASHTAG UFFICIALE: #GPDenain

Albo d’Oro Recente GP Denain

2015 BOUHANNI Nacer
2014 BOUHANNI Nacer
2013 DÈMARE Arnaud
2012 HAEDO Juan Josè
2011 CASPER Jimmy
2010 FLAHAUT Denis
2009 CASPER Jimmy
2008 BOASSON HAGEN Edvald

Percorso GP Denain 2019

Denain > Denain (198 chilometri)

Come da tradizione il tracciato è articolato interamente nel territorio comunale di Denain. Non sono previste particolari difficoltà altimetriche, ma la presenza di 12 settori di pavé, per un totale di 20 chilometri, servirà a selezionare il drappello di pretendenti alla vittoria finale riducendo verosimilmente il numero di velocisti in grado di competervi. Il primo circuito presenta solo un passaggio sulle pietre, a Paillencourt, per un totale di 1700 metri che dovrebbe registrare il transito per primo degli uomini che avranno saputo sganciare una fuga nella prima ora di gara.

Il secondo circuito (32,7 km) ne presenta invece due, Wallers e Haveluy, per un totale di 4200 metri intervallati da cinque chilometri su asfalto. Il terzo tracciato darà invece modo ai corridori di prendere le misure ai settori di Avesnes-le-Sec (2600 metri) e Abscon (1200 metri), che ritroveranno poi nei due giri finali di 33 chilometri ciascuno. Nel primo caso sara il pavè di Wasnes-au-Bac à Marcq-en-Ostrevant (1500 metri) a dividerli, rappresentando l’unica novità rispetto alla scorsa edizione, mentre nel circuito conclusivo sarà il breve tratto di Mastaing, appena 600 metri, a intercalarsi fra i due. Dal terzo e ultimo passaggio da Abscon – accorciato rispetto al 2018 – al traguardo mancheranno appena 8,3 chilometri e ci sarà poco spazio per colmare eventuali distacchi che si potrebbero creare.

Elenco Settori Pavé GP Denain 2019

—- Circuito 1 (57,9km) —-
– Settore 12 (km38,5) : Paillencourt, 1,7km
—- Circuito 2 (32,7km) —-
– Settore 11 (km73) : Wallers, 1,7km
– Settore 10 (km79,7) : Haveluy, 2,5km
—- Circuito 3 (41,4km) —-
– Settore 9 (km101,9) : Avesnes-le-Sec (1° Passaggio), 2,6km
– Settore 8 (km114,4) : Wasnes-au-Bac à Marcq-en-Ostrevant, 1,5km
– Settore 7 (km122,5) : Abscon (1° Passaggio), 1,2km
—- Circuito 4 (33km) – 1° Giro —-
– Settore 6 (km143,2) : Avesnes-le-Sec (2° Passaggio), 2,6km
– Settore 5 (km152,3) : Mastaing (1° Passaggio), 600m.
– Settore 4 (km155,5) : Abscon (2° Passaggio), 1,2km
—- Circuito 4 (33km) – 2° Giro —-
– Settore 3 (km175,2) : Avesnes-le-Sec (3° Passaggio), 2,6km
– Settore 2 (km184,3) : Mastaing (2° Passaggio), 600m.
– Settore 1 (km188,5) : Abscon (3° Passaggio), 1,2km
Totale: 20/198km

Favoriti GP Denain 2019

Clicca qui la per la starlist

L’assenza di corridori di primissima fascia rende ampio il ventaglio di pretendenti alla vittoria finale. Assente il campione uscente Kenny Dehaes (Wallonie-Bruxelles), a provare a tenere alta la bandiera del team proverà Justin Jules, reduce dal settimo posto alla Nokere-Koerse, e al via con il dorsale numero uno. Entrambe le formazioni World Tour di casa, Ag2r La Mondiale e Groupama-FDJ, presentano un discreto uomo veloce. I primi potrebbero giocare la carta Samuel Dumoulin, oppure Gediminas Bagdonas, per un arrivo in gruppo, ma vantano anche una specialista del pavè come Stijn Vandenbergh, il cui sesto posto a Le Samyn sembra rappresentare un buon biglietto da visita per il rilancio. I secondi hanno in organico un Marc Sarreau che non ha fatto segreto di puntare particolarmente su questa corsa, con Ramon Sinkeldam interessante alternativa.

Tra le formazioni del massimo circuito anche la Trek-Segafredo annovera uno sprinter che può garantire un buon piazzamento, ovvero l’italiano Matteo Moschetti che deve tuttavia maturare esperienza su terreni del genere. A proposito di azzurri non vanno sottovalutate le chance della Androni-Sidermec con Matteo Pelucchi, caduto però mercoledì scorso, con la grinta di Marco Frapporti per provare a scardinare la situazione.

La Corendon-Circus si presenta invece con il grande favorito sulla carta, ovvero quel Mathieu Van Der Poel sopravvissuto indenne dalla durissima caduta alla Nokere Koerse. Il campione neerlandese avrà nell’immarcescibile Stijn Devolder il regista e in Jimmy Janssens due pedine importanti e in quest’ultimo un possibile finalizzatore alternativo. Squadra da tenere d’occhio, che potrebbe testarsi in maniera importante per dare un segnale al proprio capitano, è la Direct Energie che affianca due corridori di livello: un Adrien Petit già 10° nel 2018 e un Damien Gaudin uscito in gran condizione dalla Parigi-Nizza.

Corridori da non sottovalutare sono inoltre Bram Welten (Arkéa-Samsic), già nella top five nell’ultima edizione e ottavo mercoledì scorso, un sempre pericoloso Lars Boom, con Boy Van Poppel (Roompot-Charles), per una eventuale volata. Interessanti anche   Piet Allegaert e Amaury Capiot (Sport Vlaanderen-Baloise), Mihkel Raim (Israel Cycling Academy), Przemysław Kasperkiewicz (Delko Marseille Provence), Dimitri Claeys (Cofidis), Rasmus Quaade (Riwal Readynez). Jonas Van Genechten e Bert De Backer (Vital Concept-B&B Hotels), Jetse Bol (Burgos-BH), mentre la Wanty – Gobert potrebbe avere opzioni interessanti con Frederik Backaert, Aimé De Gendt e Andrea Pasqualon.

Si presentano inoltre all’appuntamento in gran condizione Tony Hurel (St Michel-Auber 93), 2° domenica scorsa alla Paris-Troyes, e Timothy Dupont (Wanty-Gobert), che non più tardi di ieri si è piazzato al quinto posto alla Bredene Koksijde Classic.

Borsino GP Denain 2019

***** Mathieu Van Der Poel
**** Damien Gaudin, Adrien Petit
*** Marc Sarreau, Timothy Dupont, Matteo Moschetti
** Mihkel Raim, Boy Van Poppel, Jimmy Janssens, Jonas Van Genechten
* Stjin Vandenbergh, Lars Boom, Przemysław Kasperkiewicz, Justin Jules, Aimé De Gendt

Meteo Previsto GP Denain 2019

Parzialmente nuvoloso. Umidità del 56% con 1% di possibilità di precipitazioni. Vento direzione SO ai 18 km/h. Temperatura max 13° C con minime di 9°C.

Altimetria e Planimetria GP Denain 2019

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.