Analisi Percorso Settimana Coppi e Bartali 2018

Percorso completo per la Settimana Coppi e Bartali 2018. In programma dal 22 al 25 marzo, la breve corsa a tappe organizzata dal GS Emilia propone un tracciato in grado di dare spazio a tutti. Nelle quattro giornate di gara, con la prima divisa in due semitappe, ci sarà dunque modo di vedere all’opera i velocisti, così come i cronoman, sia in una prova individuale che a squadre, con gli scalatori che chiaramente avranno anche loro modo di dire la loro, senza dimenticare anche i cacciatori di tappe, con una frazione mista che darà a tutti l’opportunità di farsi vedere.

Si pare dunque con una breve semitappa a Gatteo, per un totale di 97,8 chilometri non proprio semplicissimi. Il tradizionale circuito della “due per bene” propone infatti una doppia scalata che porta così a tre i GPM da affrontare. Non saranno salite impossibili, per cui è probabile che la tappa si deciderà in volata dopo la rapida picchiata verso Gatteo. Si passa sul traguardo, ma bisogna ancora affrntare un giro di 9 chilometri, in cui eventuali attaccanti potrebbero fare fatica a restare in testa. L’epilogo in via Roma prevede dunque una volata, anche se la presenza di squadre di primo piano potrebbe vedere qualche attaccante più motivato in avanscoperta.

Nel pomeriggio quello che ormai è un classico: ovvero la cronoquadre di 13,3 chilometri a Gatteo a Mare. Tracciato abbastanza semplice, seppur non completamente lineare, a differenza degli ultimi anni non si correrà con le squadre divise in due selezioni da quattro uomini, ma con una formula classica, scelta quasi obbligata visto il nuovo regolamento UCI che obbliga ad un massimo di sette corridori in queste corse.

Il giorno successivo quella che è la tappa regina della corsa, con partenza da Riccione. Sarà una giornata impegnativa, che comincia con numerosi strappi che portano verso le salite di Verucchio e Torriana. Dopo Montecchio si arriva poi nel circuito di Sogliano al Rubicone, 22,1 chilometri da affrontare due volte con una salita impegnativa, con pendenza media del 7% e picchi fino al 16%. Sarà chiaramente anche quest’anno una giornata di grande fascino e decisiva per le sorti della classifica generale.

Terza tappa invece molto semplice, con il tradizionale arrivo a Crevalcore che non dovrebbe creare alcun problema. Sarà una giornata adrenalica e molto veloce, con un circuito di 13 chilometri completamente pianeggianti da affrontare per ben dieci volte. Ci attende dunque un crescendo rossiniano di grande velocità.

Si conclude con una novità. 12,5 chilometri a cronometro da Fiorano Modenese a Castello di Montegibbio. Sarà ovviamente la giornata decisiva, con una prova contro il tempo tutt’altro che scontata visto che non sarà una prova per specialisti. Dopo la partenza si tende infatti subito a salire, seppur con pendenze abbastanza dolci, ma su un tracciato non proprio lineare, con un finale ancor più impegnativo. Dopo questi cinque chilometri, si sale per circa 2000 metri per arrivare alle fasi finali di gara, con gli atleti che dovranno affrontare una serie di falsipiani fino al Castello d’arrivo, verso il quale bisogna inespicarsi con gli ultimi 300 metri che presentano pendenze fino al 12%.

Percorso Settimana Coppi e Bartali 2018

22 Marzo – 1ª Semitappa: Gatteo-Gatteo, 97,8km
22 Marzo – 2ª Semitappa: Gatteo a Mare – Gatteo, 13,3 km (Cronosquadre)
23 Marzo – 2ª Tappa: Riccione – Sogliano al Rubicone, 130 km
24 Marzo – 3ª Tappa: Crevalcore – Crevalcore, 171 chilometri
25 MArzo – 4ª Tappa: Fiorano Modenese – Montegibbio (Sassuolo), 12,5 km (Cronometro)

Altimetrie e Planimetrie Settimana Coppi e Bartali 2018

Vedi Anche

Giro di Romandia 2018, Fraile supera Colbrelli! Roglic nuovo leader

Sonny Colbrelli si arrende a Omar Fraile nella prima tappa del Giro di Romandia 2018. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

analisi-percorso-settimana-coppi-e-bartali-2018-spaziociclismo