© LaPresse - D'Alberto / Ferrari / Paolone / Alpozzi

Trek-Segafredo, Vincenzo Nibali al lavoro per le crono del Giro d’Italia 2020: “Non possiamo sbagliare”

Prima il controllo fisico, poi quello scientifico: Vincenzo Nibali è già proiettato al Giro d’Italia 2020 e in questi giorni si sta sottoponendo a una serie di test cruciali nell’avvicinamento alla prossima Corsa rosa. Ieri, martedì, il messinese è stato a L’Aquila per sottoporsi a una seduta di terapia del dolore presso l’ospedale San Salvatore. Oggi, mercoledì, si va nei Paesi Bassi, ad Apeldoorn, per una giornata di lavoro in pista: obiettivo studiare materiali e posizione in sella in vista della nuova stagione e, in particolare, delle cronometro individuali di cui è infarcito il prossimo Giro d’Italia.

A entrare nei dettagli del programma di lavoro è Paolo Slongo, preparatore della nuova stella della Trek-Segafredo, in una intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport. “Al Giro ci saranno tre prove contro il tempo. Non possiamo sbagliare, anche perché potrebbero risultare decisive”. Nibali e il suo staff lavoreranno con la bicicletta da cronometro e verrà posta particolare attenzione sulla biomeccanica, per trovare la migliore posizione in sella: “Cercheremo di riportare  sulla nuova bicicletta la posizione dell’anno scorso – le parole di Slongo, che poi annuncia – Saremo in pista anche a gennaio a Maiorca e poi andremo anche in galleria del vento”.

Valutazioni specifiche andranno fatte in merito alla posizione dei gomiti sul manubrio, per trovare un compromesso fra aerodinamica e comodità: “Vincenzo non deve vincere il Mondiale a cronometro – ancora Slongo – Lui punta alla classifica generale. Nei grandi giri ci sono spesso tapponi di montagna dopo una crono, a volte è meglio perdere pochi secondi in più contro il tempo, ma non stravolgere la biomeccanica e la muscolatura del corridore per averlo più performante il giorno dopo. Ci vuole equilibrio”.

Ad Apeldoorn, il siciliano – riporta sempre la Gazzetta dello Sport – sarà seguito da Matt Shriver, technical manager della Trek-Segafredo, che sarà assistito da tre ingegneri: “Con questi test puntiamo ad avere una transizione di successo fra nuovo e vecchio, sia nella posizione che nella verifica dei materiali. È il primo passo – commenta Shriver – di un processo in costante evoluzione. Si parte dallo storico di un corridore, dalle sue abitudini, talvolta vincenti come nel caso di Nibali, e lavoriamo sui dettagli in un rapporto di scambio continuo”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.