Giro d’Italia 2018, Codacons denuncia il Comune di Roma

Continuano le polemiche per la tappa conclusiva del Giro d’Italia 2018. Lo spettacolo alla fine comunque c’è stato, ma le proteste, fino alla neutralizzazione dei sette giri conclusivi, dei corridori hanno lasciato il segno, anche se forse ormai ad occuparsene è soprattutto la politica e meno l’aspetto sportivo, che è stato facilmente risolto. Inizialmente molto nervosi, molti corridori in una seconda fase hanno cercato di minimizzare l’accaduto, anche se ovviamente come in ogni situazione i pareri sono molto discordanti fra loro, come è giusto che sia. Ad intervenire tuttavia ora è anche il Codacons, con l’associazione dei consumatori che ha presentato ieri un esposto contro l’amministrazione comunale alla Procura della Repubblica.

“Quanto avvenuto ieri a Roma non solo ha regalato alla città e all’Italia una figuraccia a livello mondiale, ma potrebbe addirittura configurare veri e propri illeciti”, ha spiegato il presidente Carlo Rienzi ad AskaNews, aggiungendo: “È evidente infatti che l’amministrazione non ha fatto abbastanza per garantire la regolarità della gara ma soprattutto la sicurezza dei ciclisti, i quali non a caso hanno chiesto l’interruzione della manifestazione sportiva. Non solo. Lo stop anticipato potrebbe aver influito sui risultati finali della gara con ripercussioni per gli scommettitori che ora potrebbero rivalersi sul Comune”.

“Per tale motivo – ha concluso Rienzi – chiediamo oggi alla magistratura di verificare se quanto accaduto ieri possa configurare eventuali fattispecie come attentato alla sicurezza dei trasporti e omissioni di atti d’ufficio, nonché il reato di Turbativa nello svolgimento di competizioni agonistiche introdotto dalla Legge 401 dell’89”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Un commento

  1. Ma per piacere codacons! Occupatevi di cose serie!
    Il Giro non ha avuto nessuna ripercussione, 10 giri dovevano fare e 10 giri sono stati fatti, sono stati solo annullati i tempi, quindi il Giro non ha avuto ripercussioni, non penso che Doumoulin aspettasse gli ultimi 7 giri per attaccare Froome.
    Su tutti i giornali e tutti i tg nazionali “tappa dimezzata” “tappa annullata “ non era vere niente!
    Quindi, secondo il codacons io che dovrei fare che ho scommesso e non ho vinto niente???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *