Bardiani-CSF, Guardini vuole “vincere il prima possibile” per “uscire dal dimenticatoio”

Andrea Guardini si presenta con grandi motivazioni al 2018. Approdato alla Bardiani – CSF dopo una stagione quantomeno sfortunata con la UAE Team Emirates, dalla quale ha ottenuto una rescissione consensuale, il veronese punta al riscatto alla corte dei Reverberi. Classe 1989, professionista dal 2010, sarà di gran lunga l’uomo più esperto di un #greenteam che punta proprio su di lui, insieme a Manuel Senni, per rilanciarsi a sua volta dopo un 2017 sottotono.

Per un velocista di razza come lui, Guardini spera di poter subito tornare a vincere, facendo anche tesoro degli insegnamenti in questi anni difficili che lo hanno precipitare in una “specie di dimenticatoio” negli ultimi due anni. Sin dalla Colombia Oro y Paz e dall’Abu Dhabi Tour, che rappresentano i suoi primi appuntamenti stagionali, vuole dunque cercare di sbloccarsi visto che son quasi due anni ormai che non riesce a conquistare un successo.

In questi giorni di allenamento in Toscana, dove lo abbiamo raggiunto, si sta preparando assieme ai corridori che saranno al suo fianco per cercare di costruire un treno a lui dedicato. Gli obiettivi verranno strada facendo, ma ragionando passo dopo passo parte chiaramente da “vincere il prima possibile“. Pensando ad una stagione che possa soddisfarlo, spera di poter ottenere “un bottino paritario alla stagione 2015”, prima dei due anni bui che spera di poter quest’anno cancellare a suon di sprint con la sua nuova maglia.

Nuove responsabilità e nuovi stimoli sembrano poter essere il trampolino di lancio di un corridore che in questa categoria, con squadre costruite attorno a lui, ha dimostrato di poter ottenere risultati importanti anche al cospetto dei migliori al mondo, prendendosi palcoscenici di primissimo piano. Come quella vittoria al Giro d’Italia 2012… Son passati ormai sei anni e da grande promessa Andrea Guardini è passato alla voglia di riscatto per una carriera che sinora non è andata come voleva, ma che è tutt’altro che finita.

Vedi Anche

Pagelle Giro di Svizzera 2018, Porte e Quintana subito pronti – Landa, Mollema e Izagirre da rivedere

Richie Porte (BMC), 9,5: Corsa praticamente perfetta del capitano della BMC che si sin dal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.