Tour de la Provence 2021, Phil Bauhaus: “Vincere subito è importante per me e per la squadra”

Phil Bauhaus torna al successo dopo un anno al Tour de la Provence 2021. Vincendo l’ultima tappa della corsa francese il tedesco ritrova il gusto della vittoria dopo un 2020 per lui avaro di soddisfazioni malgrado fosse iniziato molto bene visto il dominio al Saudi Tour (si aggiudicò due tappe e classifica generale). Condizionato anche da problemi fisici, il portacolori della Bahrain – Victorious si è presentato così con grandi motivazioni al nuovo anno, con una forte voglia di riscatto che ha animato anche la sua preparazione, svolta con grande determinazione. Un lavoro i cui frutti si sono visti subito e che ovviamente spera si possano continuare a vedere.

“Effettivamente, è passato un anno dalla mia ultima vittoria – sottolinea ai nostri microfoni dopo il traguardo – Il 2020 è stato un anno decisamente corto per me, anche a causa di un infortunio a fine stagione. Ma questo inverno ho lavorato molto e bene, perché volevo riscattarmi. Quindi vincere subito è importante per me e per la squadra, visto che toglie pressione a tutti noi. Per un velocista vincere è sempre molto importante, spero di poter ottenere presto anche altre vittorie”.

Semplice la sua disamina di un finale in cui ha saputo primeggiare districandosi al meglio e facendo le scelte giuste nei momenti decisivi. “L’ultimo chilometro è stato molto veloce – racconta – La squadra ha fatto un grandissimo lavoro per tenermi al coperto e posizionarmi, poi ho preso la ruota di Bouhanni, riuscendo a lanciare la volata dalla parte giusta a 200 metri dal traguardo”.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.