© Astana

Coppa Agostoni 2019, Lutsenko: “Avrei preferito vincere, al mondiale ci saranno sorprese”

Alexey Lutsenko è lo sconfitto a sorpresa della Coppa Agostoni 2019. Il corridore dell’Astana è stato molto intelligente dal punto di vista tattico, inserendosi nell’azione di undici uomini nata dopo lo scollinamento dell’ultimo passaggio sul Colle Brianza. Sempre attento ma mai dispendioso sul Lissolo, il kazako ha poi allungato nella successiva discesa, in cui è stato raggiunto dal solo Aleksandr Riabushenko (Uae Team Emirates). Dopo aver collaborato con il bielorusso è però stato battuto a sorpresa in una volata che sembrava vederlo favorito. Il secondo posto comunque dà morale in vista del mondiale Yorkshire 2019, in cui sarà uno degli outsider da tenere d’occhio.

Il classe ’92 al traguardo non ha voluto lasciare troppo spazio alle recriminazioni per l’occasione mancata: “Avrei preferito vincere ma questa corsa è piccola e io guardo sempre avanti. Ho comunque ottenuto un buon risultato prima del mondiale e ho avuto buone sensazioni. Ho già fatto tante buone corse come il Giro di Germania e in Norvegia dove ho vinto molto bene e a due settimane dall’inizio del mondiale devo dire che la preparazione sta andando bene”.

Dalle sue dichiarazioni nella conferenza post gara è evidente che il grande obiettivo rimane la corsa nello Yorkshire: “Per il mondiale ci sono tanti favoriti: da Van der Poel, Alaphilippe, Peter Sagan, ma nello Yorkshire ci possono essere delle sorprese. Quando si corre con la nazionale è diverso, poi sono quasi trecento chilometri e tutto può succedere. Il percorso è adatto alle mie caratteristiche”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.