© Sirotti

Doping, Wiggins: “Le accuse contro di me hanno distrutto la mia famiglia. Stimo Armstrong, Sagan e Thomas non sono liberi di parlare”

Bradley Wiggins torna a parlare delle accuse di doping che lo hanno riguardato negli ultimi due anni. Nel corso di una lunga intervista concessa a The Guardian per presentare il suo libro, Icons, il vincitore del Tour de France 2012 e campione olimpico britannico ha ripercorso i mesi vissuti dopo le accuse ricevute in merito all’utilizzo del triamcinolone, un corticosteroide che, oltre ad aiutare l’asma, migliorava il rapporto pesa/potenza e che gli sarebbe stato somministrato prima degli exploit di quella stagione: “Non è un libro su questo argomento – ha chiarito – perché ci sono persone più importanti, competenti e con più poteri per fare qualcosa contro il doping”.

Wiggins, che nel corso della lunga intervista si è anche soffermato sulla sua passione per il ciclismo nata durante l’infanzia, ha poi proseguito: “Vedere la propria famiglia soffrire è terribile. Questa vicenda ha quasi ucciso mia moglie Cath, che è finita in riabilitazione. È bipolare e si vergogna degli sguardi della gente, ma ora sta migliorando. La mia vita è cambiata in maniera drammatica dopo la vittoria al Tour. I miei figli hanno sofferto, abbiamo dovuto spostarli di scuola e le cose sono andate di pari passo con le ammissioni di Armstrong sull’utilizzo del doping. I bambini leggevano i titoli sui giornali e i genitori dei loro compagni dicevano altre cose. C’è stato un processo incontrollato da parte dei media, che hanno distorto la realtà dei fatti”.

La rabbia di Wiggins è ancora evidente: “Se fossi stato un assassino mi avrebbero concesso più diritti, non avrei ricevuto tutti questi articoli contro e avrei avuto un processo equo. Sarei stato assolto o giudicato colpevole, e non come è successo. Mi sono trovato in mezzo senza che ci fossero prove di un eventuale illecito”.

Nell’occasione l’ex pistard è tornato anche a parlare di Lance Armstrong, argomento che gli è costato la dura reprimenda del numero uno dell’UCI, David Lappartient, nei giorni scorsi: “Tra di noi c’è rispetto reciproco e ci sentiamo spesso. Il mese scorso ho preso porto alla Gran Fondo di George Hincapie, ma lui non può partecipare e mi sembra esagerato che non possa essere al via neanche ad eventi del genere, visto che non credo voglia vincere la bici Scott in premio. Per me è brillante, lo adoro. Non ha paura di dire quello che pensa. In questo ambiente troppe persone non sono autorizzate a mostrarsi per ciò che sono. Peter Sagan è la stella del ciclismo attuale, ha la mia personalità ma è come un bambino intrappolato nel corpo di un adulto. Anche Geraint Thomas ha personalità ed è divertente, ma corre nella Sky e lì non si può dire ciò che si pensa”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.