© Sirotti

Cipollini: “Il ciclismo italiano? Siamo il quarto mondo”

Torta speciale per Mario Cipollini. L’ex velocista toscano nella giornata odierna ha spento 50 candeline sulla torta. Il toscano si è voluto fare un regalo particolare, ripercorrendo la sua carriera in un’intervista a Il Giornale. Il Campione del Mondo di Zolder 2002 però si è voluto togliere qualche sassolino sul ciclismo italiano odierno: “Il ciclismo italiano non c’è più. Siamo il quarto mondo. Abbiamo solo Vincenzo Nibali, l’unico vero talento di cui possiamo disporre. Per il resto sono solo comparse. Aru? Ci dia un segno. Siamo qui, lo aspettiamo”.

Cipollini si è poi soffermato sull’ultima Milano – Sanremo analizzando la presentazione di Sagan: “La Sanremo è una corsa crudele. Moser e Saronni l’hanno sfiorata tante volte ma vinta una sola volta. Il sottoscritto anche. Moreno Argentin, che è stato uno dei più grandi cacciatori di classiche di tutti i tempi, non l’ha mai fatta sua. Sagan è stato battuto soltanto da se stesso. Per eccesso di sicurezza. Se solo fosse partito un attimo dopo”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.