Volta a Catalunya 2017, Unzue: “Una vera e propria ingiustizia”

“È incomprensibile tutto quello che è successo”. Sono queste le prime parole di Eusebio Unzue ai nostri microfoni sulla penalizzazione della sua squadra alla Volta a Catalunya 2017. Il patron della Movistar non ha nascosto la sua delusione per la decisione della giuria di cambiare quanto decretato nella giornata di ieri: “Credo che abbiamo vinto la tappa e quell’articolo del regolamento permette di esser interpretato in un modo o in un altro. Non ho parole per commentare questo articolo e soprattutto come è stato interpretato dai nostri colleghi (BMC e Trek – Segafredo ndr) e dalla giuria. C’è una grande differenza fra l’errore che abbiamo fatto e la sanzione che ci è stata inflitta. Ieri sera i giudici dopo aver analizzato la situazione avevano deciso che tutto sarebbe rimasto come era stato deciso. Questa mattina però ci hanno convocato nuovamente e ci hanno detto che dovevano applicare il regolamento in maniera rigida. Una vera e propria ingiustizia“.

Unzue però ora vuole lasciarsi alle spalle quanto avvenuto e riprendersi in corsa i secondi persi con la penalizzazione: “Ho chiesto ai corridori di voltare pagina. Tornare a far bene e recuperare quel tempo perso per una interpretazione errata della corsa. Abbiamo solo un pizzico di rabbia in più per quanto avvenuto”.

Scarica l'App ufficiale di SpazioCiclismo!



• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Trova le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.