© Sirotti

UCI, approvata all’unanimità l’Agenda 2022 – Lappartient: “Più uniti nel progetto di crescita globale del nostro sport”

È stata approvata oggi, durante il 187° congresso dell’UCI, l’Agenda 2022. Testata d’angolo del programma del nuovo presidente David Lappartient, già ratificata nei mesi scorsi, è stata votata a Innsbruck dai rappresentanti delle 130 federazioni iscritte al massimo organo di governo del ciclismo Mondiale, record assoluto in termini di presenza. Il Congresso ha innanzitutto votato a favore dell’affiliazione ufficiale di quattro nuove federazioni, quelle della Repubblica del Ciad, della Repubblica di Capo Verde, delle Isole Cook e delle Isole Vergini britanniche. L’UCI ora include il numero record di 194 federazioni nazionali, con l’obiettivo di arrivare a 200 entro il 2022.

Sono stati poi presentati gli elementi centrali dell’Agenda 2022, tra i quali spiccano le azioni di solidarietà sotto l’egida della nuova Commissione Solidarietà e Paesi emergenti dell’UCI. Conformemente agli impegni assunti dal suo presidente, l’UCI rafforzerà il proprio sostegno alle federazioni nazionali e alle confederazioni continentali.

Il direttore dell’UCI World Cycling Center (CMC) ha poi condiviso con i delegati delle federazioni nazionali la visione del suo centro per gli anni a venire. Questa visione si basa su tre temi principali: la formazione di atleti di alto livello provenienti dai cinque continenti, lo sviluppo di una nuova Università Mondiale del Ciclismo dedicata alla formazione in varie professioni legate al ciclismo e le azioni di solidarietà.

Per quanto riguarda l’antidoping, il Congresso ha appreso con grande soddisfazione il rapporto della Fondazione Anti-Doping (CADF) e l’arrivo del professor Xavier Bigard all’UCI. Quest’ultimo è molto impegnato nella bozza di regolamentazione che vuole proibisce la partenza a qualsiasi ciclista che abbia usato Tramadol e corticosteroidi.

L’UCI ha poi ribadito il proprio impegno nel campo della lotta contro il doping tecnologico. È stato ricordato che ci si baserà su controlli che utilizzeranno magnetometri di nuova generazione, radiografie e termocamere, oltre alle segnalazioni. Sono in corso ulteriori studi per espandere l’arsenale a disposizione dell’UCI.

Anche nel campo della protezione dell’integrità dello sport è stata accettata una modifica agli statuti dell’UCI che garantisce una maggiore trasparenza in campo finanziario e nelle elezioni nelle Confederazioni Continentali. Sono stati anche approvati i calendari 2019 di Mountain Bike, BMX, Trial, Paraciclismo e Ciclismo Indoor.

Alla fine del Congresso, il Presidente dell’UCI David Lappartient ha dichiarato: “Sono molto felice che quest’anno Innsbruck abbia ricevuto un numero senza precedenti di Federazioni Nazionali al Congresso annuale dell’UCI, e aver visto il loro impegno nel sostenere gli obiettivi della nostra Agenda 2022. Non siamo mai stati così numerosi, e ne sono convinto, più uniti, nel perseguimento di un progetto di crescita globale del nostro sport. Alla fine del mio primo anno alla guida dell’UCI, è un grande incoraggiamento continuare a impegnarmi in questa direzione“.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui

Scopri le migliori offerte di Amazon dedicate al ciclismo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.