QuickStep-AlphaVynil, Yves Lampaert e Tim Declercq scelgono le gare su spiaggia per l’offseason: “Più accessibile del ciclocross”

Yves Lampaert e Tim Declercq hanno trovato un’alternativa al ciclocross per gareggiare nell’off-season su strada. i due corridori della Deceuninck-QuickStep, infatti, mentre impazza il dibattito sull’alternanza strada e ciclocross, nello scorso weekend hanno partecipato per la prima volta alla De Panne Beach Endurance, con Lampaert che è riuscito anche a concludere la prova sul podio. Il belga ha spiegato che gli sarebbe piaciuto partecipare anche ai campionati nazionali di questo weekend, ma di doversi fermare per un’influenza intestinale e di non poter quindi presenziare all’appuntamento che vedrà coinvolti altri pro come Florian Vermeersch, Brent Van Moer, Jens Keukeleire, Stijn Steels, Timothy Dupont e probabilmente lo stesso Declercq.

“Sono quasi certo che possa avere un effetto positivo sulla nostra stagione su strada – ha dichiarato Declercq a Wielerlifts, spiegando il motivo che porta sempre più corridori verso questo tipo di gare – Lo vedo come un modo divertente di dare comunque uno stimolo intenso al proprio fisico. Cercare intensità in questo periodo è diventato il trend delle ultime stagioni. Si può fare in vari modi: ciclocross, pista o persino in allenamento con qualche compagno, ma credo che le gare in spiaggia siano semplicemente l’alternativa più divertente. È molto più accessibile del ciclocross, ci sono molti settori lunghi, quindi la tecnica è meno importante.  E poi ti serve solo una bici. Se vuoi fare ciclocross, devi cercare una bici e tre o quattro meccanici e poi finisci subito nelle retrovie, il divertimento svanisce subito. In realtà, questo è solo un costoso hobby, tutto autofinanziato, ma credo ne valga la pena. Sono quasi certo che una tale avventura sulla sabbia possa avere effetti positivi sulla nostra stagione su strada, a patto di non perdere allenamenti per questo. Organizziamo il nostro programma in modo che questo sia l’allenamento più intenso della settimana”.

Anche il quinto classificato alla Parigi-Roubaix sembra divertirsi molto: “L’idea è stata di Tim Declercq. Voleva partecipare e l’idea mi è piaciuta. La mia ultima gara in spiaggia è stata due anni fa e ricordavo di essermi divertito all’epoca. Innanzitutto lo fai perché è buono durante gli allenamenti, ma anche perché ti piace, gareggiare senza pensare troppo. Il livello era alto. […] Rispetto al ciclocross non ci sono ostacoli, bisogna solo correre. […] Questo permette di essere un po’ più rilassati”.

• SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Rispondi

Back to top button