Movistar, Alejandro Valverde è fiducioso nel nuovo corso: “Stavolta non ci saranno problemi, se un capitano dovrà sacrificarsi per gli altri, lo farà”

Alla soglia dei quarant’anni, Alejandro Valverde è pronto a cominciare un’altra stagione con l’entusiasmo di un ragazzino. In un’intervista botta e risposta concessa a Marca, lo spagnolo della Movistar ha tracciato il bilancio del 2019, corso con indosso la maglia di campione del mondo, e si è già proiettato sulla stagione che ormai sta per cominciare. Il murciano ha parlato dei suoi obiettivi, con le Olimpiadi di Tokyo in testa, seguite poi anche da Vuelta e mondiale che sembrano entrambe adatte alle caratteristiche dell’Embatido. Infine, il campione nazionale spagnolo si è soffermato sulla ringiovanimento del suo team, con l’arrivo di Enric Mas e la promozione a capitano di Marc Soler.

D: Qual è il bilancio dell’ultima stagione?
R: È stato un anno positivo, ho vinto meno di quanto pensassi ma mi sono goduto la maglia di campione del mondo. Ho lottato per tanti anni per ottenerla, per me è stato qualcosa di incredibile, in un certo senso è come se mi avesse messo le ali.

D: Cosa pensi del percorso della prossima Vuelta?
R: Bello e molto esigente, come sempre. Sarà duro, per scalatori, con due cronometro, ma equilibrato ed entusiasmante. Le tappe chiave sono concentrate nella seconda settimana, anche se Arrate è già nella quarta tappa e già si faranno differenze. Poi ci sono anche il Tourmalet, Farrapona, La Covitilla, che corsa! Personalmente, mi si addice, ma vediamo prima come ci arrivo, perché sarà subito dopo i Giochi.

D: Il 2020 sarà tutto concentrato sui Giochi Olimpici, una delle ultime grandi sfide rimaste.
R: Sì, sarà l’obiettivo principale, ma ce ne saranno altri. Voglio arrivare a Tokyo nella miglior condizione possibile. Anche il mondiale sarà un evento molto importante, ma ora sono concentrato sulle Olimpiadi. Si tratta di quella grande sfida che ancora mi manca e questo mi entusiasma tantissimo.

D: Hai già anticipato a Radio Marca che non terminerai il Tour per arrivare meglio in Giappone.
R: S’, l’idea è quella. Tutti riconoscono che è molto difficile essere al 100% a Tokyo andando al massimo fino all’ultimo giorno del Tour. Per questo, salvo sorprese, il piano è questo e credo che sia la decisione migliore. Lo stesso vale per la Vuelta. Torneremo stanchi dal Giappone e avremo bisogno di tempo per adattarci. Probabilmente non sarò nella mia forma migliore, ma servirà per prepararmi al mondiale.

D:Un anno di cambiamenti in Movistar, sarà un’annata di transizione? Il tridente porta con sé brutti ricordi.
R: Tutti i leader per uno, deve essere così. Devono esserci buone sensazioni, c’è un calendario per tutti. Lavoreremo alla perfezione, se uno dovrà sacrificarsi per gli altri, non ci saranno problemi.

D: In passato non è sempre stato così…
R: Ora parliamo di presente e futuro. Al Tour e alla Vuelta andremo tutti e tre e credo che sia una cosa positiva, così saremo più forti. Lo vediamo con le altre squadre che vanno con tre capitano. Stavolta non ci saranno problemi.

pub • SpazioCiclismo è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie di ciclismo seguici qui
Ascolta SpazioTalk!
Ci trovi anche sulle migliori piattaforme di streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.